Nel trevigiano quattro giorni di dolcezza per la Tiramisù World CupArriva a Treviso l’edizione 2018 della Tiramisù World Cup, alla seconda edizione, la più grande sfida del famoso dolce fatto in casa che premia chi fa “davvero il tiramisù più buono del mondo”.

Quest’anno il filo conduttore della rassegna sarà il Prosecco e il suo territorio: le tappe della selezione, toccano i comuni di Conegliano Veneto, Pieve di Soligo e Valdobbiadene dall’1 al 3 novembre, mentre le semifinali e finalissima avranno luogo domenica 4 novembre a Treviso.

Tiramisù World Cup, seicento i concorrenti

Nel trevigiano quattro giorni di dolcezza per la Tiramisù World CupLe selezioni dei 600 concorrenti previsti che si sono iscritti alla manifestazione si svolgeranno nelle terre del Prosecco: a Conegliano il 1° novembre presso il Chiostro dell’ex convento di San Francesco; a Pieve di Soligo il 2 novembre, a Villa Brandolini di Solighetto e a Valdobbiadene il 3, a Villa dei Cedri.

Nel trevigiano quattro giorni di dolcezza per la Tiramisù World Cup

«Grazie all’apporto di molti attori del turismo e del commercio del territorio trevigiano e veneto, quest’anno abbiamo fatto crescere la TWC per offrire tante novità ai nostri concorrenti, ha affermato Francesco Redi di Twissen, ideatore e organizzatore dell’evento; dopo il successo dello scorso anno, per il 2018 abbiamo in serbo una serie di sorprese: una novità su tutte è che ci sarà un vincitore sia nella categoria “ricetta creativa” sia nella categoria “ricetta originale”, con più possibilità per i concorrenti di accedere alle fasi finali».

Nel trevigiano quattro giorni di dolcezza per la Tiramisù World CupIl Tiramisù è una delle principali eccellenze enogastronomiche del Veneto, un dessert, quello nato alle Beccherie dei Campeol, che tutto il mondo ci invidia: un biglietto da visita importante per “The land of Venice”, il brand la Regione sta promuovendo all’estero per far conoscere ed apprezzare a livello mondiale questa parte del territorio italiano nella sua interezza, di cui la ricca tradizione culinaria è solo uno dei tanti fattori di attrazione turistica.

Il Tiramisù è una golosità che tutti amano e che, quasi come un linguaggio comune, non ha bisogno di tante presentazioni, ma di essere solo assaggiato nelle diverse realizzazioni che un mondo di pasticceri non-professionisti si cimentano a realizzare.

Tiramisù World Cup, evento social

Nel trevigiano quattro giorni di dolcezza per la Tiramisù World CupSi può dire che il Tiramisù World Cup sia un evento “social” tra i più azzeccati, perché la rete amplifica ancora di più il nome di questo dolce tanto amato e di questa comunità di pasticceri creativi.

Il tiramisù è entrato nel linguaggio internazionale delle tipicità fin dagli anni ’80 , quando i ristoratori trevigiani si sono fatti ambasciatori e riscopritori di questo prodotto del patrimonio enogastronomico locale che rischiava di rimanere nell’ombra, tanto che oggi l’offerta del gustoso dolce casalingo ben noto in tutto il mondo si è arricchita di tante varianti diverse.

Tiramisù World Cup, c’è anche quello gluten free

Nel trevigiano quattro giorni di dolcezza per la Tiramisù World CupLa TWC è un’opportunità di crescita per il territorio, per gli appassionati e per i professionisti e ci saranno 2 tavoli delle selezioni a Pieve di Soligo con la fornitura dei savoiardi senza glutine del’azienda Matilde Vicenzi, così da permettere ai celiaci di competere ugualmente per realizzare il “tiramisù più buono del mondo”.

Un’iniziativa significativa che, oltre ad accogliere le richieste più attuali legate a particolari esigenze alimentari, riconoscendole e tutelandole, sancisce al contempo la collaborazione tra la TWC e l’AIC, Associazione Italiana Celiachia del Veneto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here