La paposcia è una focaccia tipica del territorio del Gargano, in provincia di Foggia. Conosciuta fin dal XVI sec, è un piatto locale frutto delle tradizioni contadine costituite da famiglie molto numerose.

I grandi pani del peso di oltre 4 chili venivano preparati ogni settimana e il residuo di pasta che rimaneva attaccato alla madia veniva raccolto, impastato, allungato con le mani fino a 20-30 cm, infarinato e posto nel forno pochi minuti prima del pane per verificarne il giusto calore.

Il nome, di dubbia provenienza, potrebbe derivare dalla forma, simile a quella di una babbuccia, che in dialetto si dice paposcia, oppure, come sostengono altri da pane moscio.

Per la lavorazione della pasta è indispensabile la “cresenza”, cioè il lievito madre che rende morbida la Paposcia dopo un paio d’ore di lievitazione.

Nel Gargano, la cottura, nel rispetto della tradizione, si effettua in forno a legna per pochi minuti con fiamma viva (una volta si usava il legno di faggio): in questo modo conserva intatto il profumo e la fragranza che rendono questo alimento tipico.

Per questa ragione la Paposcia è detta anche “Pizza a Vamp”, cioè cotta con la “vampa” (fiamma) del forno a legna.

Ovviamente voi userete il forno domestico mettendolo alla massima temperatura possibile.

A salvaguardia di questa ricetta garganica è stato istituito un Presidio Slow Food

Ingredienti

  • 850 farina 00540 ml di acqua tiepida
  • 250 g di lievito naturale (“crescenza”)
  • olio extravergine d’oliva possibilmente di Vico del Gargano q.b
  • sale q.b.

Preparazione della paposcia

  • Fate un primo impasto utilizzando metà acqua e metà farina
  • Aggiungete pian piano il resto della farina e dell’acqua assieme a olio e sale
  • Lavorate fino a ottenere un impasto morbido
  • Trasferite su un tagliere, coprite e lasciate riposare per una decina di minuti
  • Ripiegate la pasta su se stessa per tre volte e ripetete l’operazione dopo trenta minuti
  • Formate sei panetti e poneteli in frigo per 24/48 ore
  • Estraete i panetti 8 ore prima della cottura
  • Formate pani di 20/30 cm
  • Infornate alla massima temperatura per una decina di minuti
  • Sfornate e farcite a piacere

Ognuno può farcire a piacere come ad esempio con il cacio ricotta del Gargano con foglioline di rucola, con cicorietta, provolone e pomodori e così via.

Nicola Palumbo, proprietario del Ristorante “La Teresina” di Vieste, ci mostra la ricetta della famosa Paposcia che si tramanda da generazioni.

 

 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here