Alla sala Martini del MAR di Ravenna – Museo D’Arte della Città di Ravenna “Quando i buoi danzavano sul tetto”: tre conferenze-concerto del Verdi ispirate alla musica della Parigi degli anni Venti

I tre incontri sono stati realizzati dai laureandi del Biennio Accademico di Secondo Livello dell’Istituto superiore di studi musicali Giuseppe Verdi di Ravenna.

Attraverso la riproduzione musicale dal vivo, le proiezioni e i temi trattati, si restituisce la realtà spettacolare di tre balletti iconici e con essa il clima di effervescenza creativa che caratterizzò i favolosi Anni Venti.

Dieci anni di euforia contagiosa in cui gli artisti di tutta Europa s’incontrarono a Parigi per animare una vita spettacolare senza precedenti, Les Années folles, gli anni ruggenti, “la decade dell’illusione”, che con felice tempismo gli studenti del Verdi celebrano nel decennio appena iniziato.

Un’iniziativa che per l’originalità di prospettiva metodologica, i contenuti interdisciplinari e la varietà di profili professionali raggiunti dagli studenti, si offre al pubblico come una vetrina che ben rappresenta il livello dell’Alta formazione musicale a Ravenna.

Il primo appuntamento del 17 gennaio è dedicato al balletto Les mariés de la tour Eiffel, basato su un testo di Jean Cocteau e andato in scena al Theatre des Champs Elysées nel 1921.
Francesco Preziosi, contrabbassista, musicista versatile nonché professore e Interprete-traduttore, analizza il balletto.

Il secondo appuntamento si terrà venerdì 24 gennaio. Sarà dedicato al balletto Le boeuf sur le toit del 1920, un successo che diede il nome prima a un locale parigino e poi finì per designare un’intera epoca.

L’introduzione al balletto sarà della clarinettista Anna Brunelli, affiancata da Marcello Zinzani e Lorenzo Marani, cui è affidata la trascrizione e l’esecuzione delle musiche originali sudamericane che utilizzò il compositore Darius Milhaud per l’allestimento.

Venerdì 7 febbraio sarà la volta del balletto La crèation du monde, «ballet negre» di Blaise Cendrars, musiche di Darius Milhaud, scene e costumi di Fernand Leger, andato in scena per la prima volta nel 1923.

Il balletto, che consolidò sulle scene parigine la feconda corrente del primitivismo, sarà introdotto dalla pianista Stilyana Nikolova la quale, in duo con la pianista Maria Quaranta, ne eseguirà la trascrizione per duo pianistico originale dell’autore.

Tutti gli interventi saranno introdotti da Iole Di Gregorio, dal 1987 docente di Storia ed Estetica della musica presso l’Istituto musicale ravennate.

Le conferenze iniziano alle 16 nella Sala Martini del MAR. L’ingresso è libero.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here