La Regata delle Antiche Repubbliche Marinare è uno degli appuntamenti più importanti dell’anno ad Amalfi, sia per la spettacolarità dell’evento, che per il passato glorioso della cittadina campana come Repubblica Marinara.

L’atto costitutivo dell’Ente Regata delle Quattro Repubbliche Marinare fu stipulato ad Amalfi il 10 dicembre 1955 e, da allora, la manifestazione, che consiste nella sfilata dei cortei storici ed in una gara remiera, si svolge a turno nelle quattro città marinare; la Regata quest’anno giunge alla 66ª edizione.

Il simbolismo medievale

I galeoni in gara sono costruiti su modelli del XII secolo e dipinti con i colori tradizionali dei simboli delle quattro antiche repubbliche marinare: per Amalfi azzurro con cavallo alato che, insieme alla sirena, era uno dei motivi principali utilizzati per le polene delle galee medievali (il galeone di Amalfi e la sua polena, il cavallo alato, sono anche il simbolo di questa edizione); rosso con l’aquila imperiale germanica a ricordo della fedele collaborazione offerta alla causa sveva e ghibellina dalla repubblica toscana per Pisa; bianco con drago per Genova, rievocante il suo Protettore S. Giorgio; verde con leone per Venezia. Le imbarcazioni sono lunghe 15 metri e larghe 1,70 metri, con un equipaggio di 8 vogatori e un timoniere.

Il premio, rimesso in palio ad ogni regata, è un trofeo in oro e argento realizzato dalla scuola orafa fiorentina.

Un evento scenografico

Il 3, 4 e 5 giugno 2022 un ricco calendario di eventi racconterà la storia e la rivalità di Amalfi, Genova, Pisa e Venezia, valorizzandone l’identità.

L’evento clou, il culmine scenografico di tutto il programma, è la competizione fra i 4 galeoni protagonisti della rievocazione storica: il 5 giugno si svolgeranno cortei con sfilata di figuranti che vestono i panni dei personaggi storici che caratterizzarono ciascuna Repubblica, e una regata di 2000 metri, dal Capo di Vettica fino alla Marina Grande.

Amalfi si prepara quindi ad accogliere una manifestazione che racconterà e valorizzerà la storia della città. Anche il Santa Caterina Hotel fa parte della storia, seppur recente, di Amalfi: da oltre un secolo troneggia dall’alto della sua posizione, ben visibile sia dal centro che dal mare, rappresentando un punto di riferimento per l’ospitalità elegante e raffinata e riassumendo tutte le caratteristiche iconiche della Costiera.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here