Fare bene a sé stessi, al pianeta e soprattutto a chi è in difficoltà. Specialmente a Natale. Con il cofanetto gastronomico “Ben Fatto!”, pensato da Alce Nero e Antoniano come dono solidale per il 2021, si può.La confezione regalo contiene la nuova farina di miglio e cicerchie macinata a pietra biologica Alce Nero e una raccolta di dieci ricette per utilizzare al meglio questa particolare farina: da pane e pasta fatti in casa dello Chef Simone Salvini ai piatti inediti e golosi di Monica Bianchessi come pancake, frittelle salate e cupcake. Tra queste, due ricette speciali – la crostata di frutta sciroppata e il Pan di Spagna – tratte dall’antico Ricettario Francescano e attualizzate da Simone Salvini.

Un conforto dopo più di un anno di pandemia

Il regalo solidale è disponibile per tutti già da ora sul sito di Alce Nero al link: https://www.alcenero.com/products/cofanetto-buono-come-il-pane-kitanto“Ben Fatto!” è pensato anche per le aziende, come speciale dono benefico per i propri clienti, dipendenti e fornitori: per loro è possibile prenotare il cofanetto scrivendo all’indirizzo natale@antoniano.it.Il ricavato garantirà aiuto e accoglienza a chi ha bisogno di un pasto – ma anche di sostegno psicologico, di ritrovare il lavoro perso in più di un anno di pandemia, di conforto – e che ogni giorno si rivolge alla mensa francescana “Padre Ernesto” di Bologna. Nel 2020 la realtà dell’Antoniano ha, infatti, erogato oltre 50.000 pasti e consegnato più di 900 ceste alimentari alle famiglie, che durante questo anno e mezzo di pandemia si sono ritrovate ad affrontare nuove difficoltà.

La collaborazione

Prosegue con “Ben Fatto!” la ormai storica collaborazione tra Alce Nero e Antoniano, che quest’anno si arricchisce di un ulteriore tassello: «La nostra vicinanza ad Antoniano si è consolidata nel tempo: crediamo che la presenza di questa istituzione sia fondamentale per il tessuto sociale della nostra città e del nostro territorio – afferma Arturo Santini, Presidente di Alce Nero – Antoniano è un presidio di umanità per Bologna, proprio per questo abbiamo deciso di sostenere la ristrutturazione del Laboratorio del Pane, progetto che ci ha legati dal principio per la produzione e divulgazione di un cibo che faccia bene alle persone».

«Siamo grati ad Alce Nero per il loro sostegno – aggiunge il direttore dell’Antoniano fr. Giampaolo Cavalli – che prosegue ormai da molti anni e che ci aiuta ad essere sempre presenti per chi ha bisogno. Con la crisi economica causata dalla pandemia sono purtroppo cresciute le persone che hanno bisogno di aiuto e sono cambiati i loro bisogni. Anche per questo, abbiamo intrapreso un progetto di ristrutturazione e rinnovamento dei nostri spazi, per andare sempre di più incontro ai più fragili. Ma anche noi abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per essere sempre in grado di aiutare.»

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here