Go Wine presenta un esclusivo banco d’assaggio dedicato alle diverse espressioni del vitigno Nebbiolo in Piemonte, martedì 24 maggio presso l’Hotel Relais Bellaria di Bologna.

Dopo il successo di Bologna Super Wines, l’Associazione Go Wine promuove in città, il 24 maggio, l’evento Barolo, Barbaresco e Roero… e gli altri volti del Nebbiolo in Piemonte, presso l’Hotel Relais Bellaria.

Nebbiolo a Bologna
Nebbiolo a Bologna

Un evento dedicato alle espressioni del vitigno Nebbiolo in Piemonte: la finalità è di proporre un banco d’assaggio che comunichi le peculiarità di uno dei più importanti vitigni italiani, nelle diverse denominazioni e territori sulle colline attorno ad Alba e con alcune escursioni in Piemonte.

Una degustazione tematica di alto livello, sia a favore dei professionisti del settore, sia a favore del pubblico degli enoappassionati.

Un parterre selezionato di cantine incontrerà il pubblico al banco d’assaggio; alcuni vini saranno presentati in una speciale enoteca.

A proposito di Nebbiolo…

A proposito di eleganza, direi, andiamo a scoprire i due figli più nobili del vitigno Nebbiolo nelle Langhe, punte dell’enologia piemontese e italiana: il Barolo e il Barbaresco. Il primo è figlio di quel terroir, un insieme unico non replicabile: profumi ampi e complessi, potente e avvolgente in bocca, uno dei vini olfattivamente più prestigiosi a livello mondiale. Il secondo si distingue per una maggiore raffinatezza, dovuta ai terreni, superiore pienezza ed eleganza, ma si caratterizza per una minore potenza e struttura.

Vigneti a Barbaresco. Credits Ph. Andrea Di Bella
Vigneti a Barbaresco. Credits Ph. Andrea Di Bella

Il Roero, figlio di terre marnose-sabbiose, ha avuto negli ultimi anni, grazie alla bravura di molti produttori, un riconoscimento a livello internazionale che gli ha permesso di raggiungere prestigiosi traguardi. Grazie alle caratteristiche molto particolari del terreno, che costituisce un substrato molto vocato alla coltivazione viticola, qui si producono vini molto accattivanti dal punto di vista olfattivo e dotati di un’elegante struttura sapida. Un vino rosso di grande fascino e prospettiva. Propone uno stile fruttato e fragrante già dal suo bel colore rubino accattivante. Presenta un’intrigante armonia che lo rende molto gradevole in bocca.

Ma anche altre aree geografiche piemontesi offrono il Nebbiolo sotto altre vesti e denominazioni. Sono i Nebbioli del Nord, che guardano da vicino le cime delle Alpi, tutti vini longevi, tutti parenti stretti del Barolo e del Barbaresco, ma più ricchi di acidità e, a volte, bisognosi di invecchiamenti più lunghi.

Sulle colline novaresi si trovano il Ghemme, il Boca, il Sizzano (lo beveva il Conte Cavour al Cambio di Torino), il Fara, il Gattinara sulle colline del Sesia, fino al Carema, ai confini con la Val d’Aosta.

Grappoli di Nebbiolo. Credits Ph. Andrea Di Bella
Grappoli di Nebbiolo. Credits Ph. Andrea Di Bella

Ecco un primo elenco di Cantine che animeranno il banco d’assaggio

Bel Colle – Verduno (Cn);

Bolmida Silvano – Monforte d’Alba (Cn);

Bric Castelvej – Canale (Cn);

Broccardo – Monforte d’Alba (Cn);

Cadia – Roddi (Cn);

Cornarea – Canale (Cn);

Culasso Piercarlo – Barbaresco (Cn);

Damilano – Barolo (Cn);

Francone – Neive (Cn);

La Rachilana – Monforte d’Alba (Cn);

Le Piane – Boca (No);

Malvira’ – Canale (Cn);

Paolo Manzone – Serralunga d’Alba (Cn);

Moccagatta – Barbaresco (Cn);

Monchiero – Castiglione Falletto (Cn);

Poderi Moretti – Monteu Roero (Cn);

Diego Pressenda – Monforte d’Alba (Cn);

San Biagio – La Morra (Cn);

Tenuta Carretta – Piobesi d’Alba (Cn);

Valdinera – Corneliano d’Alba (Cn).

con la partecipazione di:

  • Strada del Barolo

L’associazione nasce nel 2006 con lo scopo di valorizzare, promuovere e animare il territorio dove nascono i pregiati vini di Langa e dove sono radicate le tradizioni secolari, la cultura e le produzioni enogastronomiche tipiche che hanno reso questo territorio unico al mondo: sono quasi cento i soci che insieme collaborano per offrire al turista qualità ed emozioni;

  • Albugnano 549 Vignaioli Albugnano Doc

Dai 549 metri di altitudine del Comune di Albugnano, il 5 aprile di diversi anni fa, grazie a 9 viticoltori locali, nasce l’associazione che oggi riunisce 14 produttori dei quattro Comuni della Doc – Albugnano, Pino d’Asti, Castelnuovo Don Bosco e Passerano Marmorito – impegnati nel consolidare e promuovere l’identità enologica, storica, culturale e ambientale del territorio di produzione dell’Albugnano Doc.

Conclude la degustazione

Distilleria Sibona – Piobesi d’Alba

con il nuovo Vermouth ricavato da Nebbiolo, il Barolo Chinato e con la selezione delle Grappe.

Lo chef

Partecipa lo chef Francesco Carboni dell’esclusivo Ristorante Acquapazza di Bologna

Sentieri sopra Barolo. Credits Ph. Andrea Di Bella
Sentieri sopra Barolo. Credits Ph. Andrea Di Bella

L’evento è rivolto a professionisti del settore, soci Go Wine e simpatizzanti.

Ricordiamo che la Guida è in omaggio per tutti i soci Go Wine, sia per coloro che rinnovano la quota sia per coloro che si iscrivono per la prima volta.

L’evento si svolgerà in sicurezza e con il rispetto delle disposizioni in corso nel periodo della manifestazione.

Modalità di partecipazione

E’ necessario prenotare per un corretto svolgimento dell’evento, l’utilizzo ottimale degli spazi a disposizione e per avere la garanzia del posto.

La degustazione: programma, orari e modalità di prenotazione

Per garantire la sicurezza dei partecipanti, gli ingressi saranno contingentati e su prenotazione entro le ore 12 di martedì 24 maggio. Per permettere a un numero maggiore di persone di accedere al banco di assaggio la degustazione verrà divisa in 3 turni a cui sarà obbligatorio attenersi.

Ore 16.15-18.00: Anteprima riservata agli operatori del settore

Degustazione riservata esclusivamente ad operatori professionali qualificati (giornalisti del settore enogastronomico, soggetti riconosciuti che operano in enoteche, ristoranti, wine bar: due persone per locale, salvo motivate eccezioni)

La richiesta di accredito avviene tramite mail. Go Wine verificherà e confermerà l’accredito per iscritto.

Ore 18.00-20.00: Banco d’assaggio per il pubblico (primo turno)

primo turno di apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati;

Ore 20.00–22.00: Banco d’assaggio per il pubblico (secondo turno)

secondo turno di apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati.

Costo

Il costo della degustazione per il pubblico è di € 20,00 (€ 13,00 Soci Go Wine, € 16,00 Ais, Fisar, Onav, Aies, Accademia della Muffa Nobile che mostreranno all’accredito la tessera di iscrizione ad una delle associazioni).

L’ingresso sarà gratuito per coloro che decidono di associarsi a Go Wine (benefit non valido per i soci familiari). L’iscrizione sarà valevole fino al 31 dicembre 2022. E’ possibile indicare già all’atto della prenotazione la volontà di associarsi.

Modalità di prenotazione obbligatoria

compilare il form online

oppure

compilare il modulo di prenotazione e inviarlo a stampa.eventi@gowinet.it

———————–

Martedì 24 maggio 2022

Hotel Relais Bellaria

Via Altura, 11/bis – Bologna.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here