Mai come quest’anno, complice la pandemia che ci ha accompagnato per quasi tutto il 2020 e le conseguenti disposizioni di contenimento messe in atto dal governo, abbiamo vissuto un Capodanno così silenzioso e “triste”.

Niente botti, brindisi casalinghi, pochissimo rumore, silenzio assordante quasi ovunque, con qualche stupidissima eccezione.

A chiudere un anno che è poco definire disastroso, non è rimasta che la speranza che questo 2021 sia davvero una rinascita: sanitaria, sociale, economica.

Se la natura nel 2020 ci ha portato il virus Covid-19 come ammonimento, e con ogni probabilità negli anni a venire non sarà il solo e l’unico, la ricerca e la tecnologia della razza umana che ne ha trovato il rimedio, ci fa capire che una speranza c’è sempre: speranza in un mondo migliore, più sicuro, più pulito, più a misura d’uomo, più egualitario; speranza che si possa tornare a girare senza le maledette mascherine a coprire il viso ed il sorriso, e si possa tornare ad abbracciarci e a riunirsi con gli amici ed anche con perfetti sconosciuti senza paura di essere contagiati.

Speranza che il vaccino anti-Covid che si è iniziato a distribuire abbia la stessa efficacia di quelli distribuiti nei vari decenni dello scorso secolo, che hanno debellato molte malattie spesso mortali; speranza che le prossime generazioni possano vivere più serenamente e che noi che l’abbiamo vissuto, possiamo lasciarci presto alle spalle questo terribile incubo affrontando quella che si spera possa essere una ripartenza piena di luce e di colori.

Da tutti noi di FOOD AND SO ON – CIBO E DINTORNI, un caro augurio a tutti per un 2021 più sereno.

 

 

In apertura: La luce del primo mattino, foto del 2013 di Graham Colling che ha vinto il concorso Lovers of Light.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here