Il nuovo Cioccoshow aspetta il suo pubblico di appassionati da venerdì 17 a domenica 19 novembre e presenterà molte novità rispetto alle passate edizioni. Innanzitutto il luogo della manifestazione, piazza XX settembre.

Le novità

Gli spazi saranno allestiti per l’occasione con un’operazione di restyling di piazza e giardino che garantiranno una cornice godibile per tutte le tipologie di pubblico, dalle famiglie coi bambini ai gruppi di ragazzi che vogliono partecipare a feste e spettacoli coinvolgenti. Un’altra importante novità riguarda la presenza degli espositori: sempre tutti produttori di ottimo cioccolato artigianale, ma con una partecipazione molto più ampia rispetto agli anni passati di pasticceri e cioccolatieri bolognesi.

Gli artigiani presenti

Artigiani molto noti e apprezzati per la produzione di cioccolato artigianale e di altre specialità dolciarie dove il cioccolato è uno degli ingredienti principali: Renato Zoia maestro cioccolatiere della Pasticceria Eporedia, Michele Cocchi artigiano e docente della scuola di alta gastronomia Bologna Lifestyle, Ivo e Jenny Corsini dell’antica forneria e pasticceria Corsini dal 1875 di Porretta Terme, Gabriele Spinelli giovane maestro pasticciere della Pasticceria Dolce Salato di Pianoro, Roberto Sarti della Pasticceria Robby di San Giorgio di Piano, Gianni Figliomeni de Il Gelatauro di via San Vitale e Matteo Calzolari del Forno Calzolari, maestro della panificazione artigianale con la passione dei grani antichi e per il suo territorio.

Gli spazi tematici

Gli artigiani bolognesi saranno insieme in uno spazio di esposizione tematico, “Dolci sapori artigiani di Bologna”. E questa sarà un’altra novità del nuovo Cioccoshow: gli espositori si presenteranno al pubblico in spazi tematici dove il singolo artigiano porterà la sua eccellenza e la squadra insieme proporrà un filo conduttore che li unisce. Dunque ci saranno spazi che valorizzeranno la presenza di cioccolatieri internazionali, cresciuti rispetto alle passate edizioni, ci saranno infatti espositori dal Belgio e dalla Slovenia. Ci saranno spazi dove esporranno produttori attenti nel proporre cioccolato biologico e per celiaci.

Bean to bar: cioccolato su misura

E tanta attenzione verrà data alle aziende che producono cioccolato artigianale con la cosiddetta modalità “bean to bar” ossia dalla fava alla tavoletta: una nuova frontiera del cioccolato artigianale, una modalità disponibile grazie all’impegno di aziende che producono macchinari appositamente per piccoli laboratori artigianali.

Tra i precursori di questa linea c’è Fbm, partner del Cioccoshow fin dalla prima edizione, che collabora attivamente con due espositori (To-Ciok e La via del Cioccolato), insieme saranno i protagonisti della Fabbrica del Cioccolato, lo spazio del nuovo Cioccoshow che rappresenta proprio questo nuovo modo di produzione del cioccolato. Infine nello spazio bimbi si potrà giocare coi palloni e farsi dei selfie con la simpatica mascotte del Cioccoshow.

Cioccolato amaro: la protesta di CiocchinBo

Non è però tutto cioccolato quello che luccica: i rappresentanti di CiocchinBo, l’associazione di maestri cioccolatieri anima di Cioccoshow sin dalla prima edizione, ha annunciato che quest’anno non sarà presente pur non vietando agli associati di partecipare a titolo personale, e al suo fianco si sono aggiunte le associazioni di artigiani Choco Amore e Acai, più lo storico marchio Torta Pistocchi, tutti uniti dalla protesta contro l’imposizione da parte del Comune, si sostiene senza contraddittorio e senza la proposta di qualche alternativa, di piazza XX Settembre come nuova location, sistemazione non gradita in quanto l’area è ancora in fase di riqualificazione e viene ritenuta poco adatta a un evento che vedrà la presenza di molte famiglie e bambini.

Sul banco degli imputati la dirigenza di CNA Bologna, che anziché tutelare gli interessi dei propri associati avrebbe accettato le condizioni del Comune senza nemmeno trattare, e quella di BolognaFiere, l’ente organizzatore dell’evento. Naturalmente entrambi gli accusati hanno respinto al mittente gli addebiti sostenendo di avere da sempre lavorato nell’interesse della manifestazione, il cui nome peraltro è stato registrato da CNA, e degli associati.

Il laboratorio artigianale

Confermatissimo il Laboratorio artigianale del cioccolato che anche quest’anno ospiterà gratuitamente tutti coloro che vorranno assistere alle dimostrazioni e alle lezioni sulla storia della produzione del cioccolato condotte dai Maestri Cioccolatieri del Cioccoshow. Oltre a Renato Zoia ci saranno Domenico Falcone e Luigi Derniolo. Quest’anno oltre ai classici momenti divulgativi sulla storia del cacao, sulle tecniche di lavorazione e sulle proprietà nutrizionali del cioccolato, i maestri presenteranno alcuni momenti dedicati alla realizzazione di particolari dolci da fare anche in casa.

Ciocconight, la notte bianca del cioccolato

Confermatissima la Ciocconight come sempre il sabato sera del Cioccoshow, fino alla mezzanotte. E non a caso quest’anno si chiamerà Saturday Ciocconight Fever, si ballerà musica anni ’70 con un concerto a ritmo di funky e musica disco dei Bononia Sound Machine nel giardino di Piazza XX settembre. Una festa a tema, dove il pubblico è invitato ad indossare look anni 70, imitando i ballerini che si scateneranno nelle danze, non prima di avere fatto azioni a sorpresa in altre piazze bolognesi.

Quest’anno le serate di festa al Cioccoshow raddoppiano, infatti venerdì 17 Dynamo – La Velostazione organizzerà un DJ set in piazza XX settembre e si potrà ballare fino alle 24. Una partnership importante quella tra il Cioccoshow e Dynamo, una struttura molto frequentata e non solo dagli appassionati della bici, a pochi passi dal nuovo Cioccoshow. Sia venerdì che sabato gli stand resteranno aperti fino a mezzanotte.

Gli eventi a latere

Confermate le visite guidate dell’Associazione Vitruvio in passeggiate nella Bologna più sorprendente, che si concluderanno con una degustazione di cioccolato offerta dal Cioccoshow. Molto spettacolare la visita alla “pancia di Bologna” ovvero alle gallerie sotterranee e al rifugio antiaereo del Pincio. La magia del cioccolato in occasione del Cioccoshow “travolgerà” Portico Zambeccari.

Una cioccolata sotto al portico

Sabato 18 novembre dalle ore 15 infatti sotto il Portico di Palazzo Zambeccari, in via Farini 11-13, La Torinese offrirà una degustazione di cioccolata calda con panna e focaccine. Il gusto ed il profumo del cioccolato delizieranno ed accompagneranno in una passeggiata tra i prestigiosi brand che decorano il portico che per l’occasione ospiterà La Torinese, storico punto di riferimento bolognese, famosa da tempi memorabili per le sue cioccolate in tazza e i suoi gelati, per una degustazione di cioccolata calda con panna in occasione del Cioccoshow.

Il premio

Anche quest’anno verrà premiato un personaggio eccellente della pasticceria e volto noto agli appassionati di dolci e cioccolato: domenica alle 12 presso il laboratorio di pasticceria verrà consegnato il premio Sodero (dedicato alla memoria di Angelo Sodero) a Rossano Boscolo, il primo italiano a frequentare l’Ecole Lenôtre, uno dei più importanti istituti di pasticceria al mondo.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here