Faggete e noccioleti, pascoli, laghi e torrenti, montagne ora spoglie ora verdissime, paesaggi ricchissimi: tutto questo è il territorio di Tortorici, fortemente connotato da un ambiente naturale tra i più vari e ricchi di tutto il comprensorio dei Nebrodi.

Probabilmente fondato in epoca bizantina da popolazioni di origine greca, è nel 1300 che avvia la sua espansione, costruendo chiese oltre la cinta muraria, come quella di S. Nicolò e SS. Salvatore, spingendosi anche oltre il fiume con l’edificazione delle Chiese di S. Maria de Platea, S. Domenica, e S. Maria extra menia.

Le ricchezze naturali del territorio

Accanto a Chiese e Monumenti, esiste un suggestivo centro storico fatto di un dedalo di viuzze nelle quali è possibile ammirare le chiavi di volta delle porte in pietra finemente istoriata.

In poco tempo sono sorte case, palazzi, opifici, botteghe che hanno animato la città e se l’arte della fusione del bronzo è quella che ha dato maggior prestigio e notorietà a Tortorici, fiorente è anche la lavorazione del rame, l’agricoltura e l’estrazione dell’oro.

I conventi, nel corso dei secoli, si ricordano per una prolifica produzione dolciaria, che oggi è perfino riconosciuta come Presidio Slow Food, quella della pasta reale, tipicità siciliana conosciuta e apprezzata in tutto il mondo.

Tra mito e leggenda, nella Tortorici circondata da allori, giganteschi agrifogli e grandi felci, oggi sopravvive perfino la rarissima “Petagnia Saniculaefolia”, pianta spontanea protetta perché a rischio estinzione.

Sicilia uguale mandorle, ma non solo

«La Sicilia non è soltanto mandorle e dolci a base di pasta di mandorle – afferma Vincenzo Pruiti, referente Slow Food del Presidio della pasta reale di Tortorici, –. Qui in provincia di Messina esiste una lunga tradizione legata ai noccioleti e i prodotti a base di nocciole non sono secondi alle pur eccezionali mandorle».

La presenza del nocciolo da queste parti è testimoniata fin dal Cinquecento: «La zona in cui viviamo è montuosa e questa pianta ben si presta a questo tipo di terreno, perché ha radici fitte ma superficiali. Oltre alla morfologia del territorio, c’è anche una ragione storica che ha fatto sì che i noccioleti si diffondessero ulteriormente all’inizio del secolo scorso: l’arrivo della fillossera che decimò i vigneti. Disperati, molti contadini scelsero di piantare noccioli».

Così, all’interno del Parco naturale dei Nebrodi, ancora oggi si preservano numerosi ecotipi locali di nocciole: un patrimonio di biodiversità che fa la fortuna del luogo e di chi sa valorizzare in pasticceria il frutto di queste piante.

«Le nocciole sono il frutto del nostro territorio – conclude Lidia Calà Scarcione, pasticcera e referente dei due produttori che attualmente aderiscono al Presidio – e la pasta reale di Tortorici, da questo punto di vista, è emblematica di quest’angolo di Sicilia».

Un patrimonio che però è in pericolo: «Oggi le piante vengono abbandonate perché qui il terreno non è pianeggiante, quindi coltivarle risulta faticoso e poco conveniente: non c’è possibilità di meccanizzare il lavoro né di avere appezzamenti particolarmente grandi. Ma l’abbandono non è privo di conseguenze: comporta che le foreste “si abbassino”; in altre parole, la vegetazione sta riconquistando aree un tempo coltivate». 

Per secoli, infatti, l’agricoltura è stata lo strumento con cui l’uomo è entrato in rapporto con la natura, anche addomesticandola e rendendola produttiva, sempre rispettando un implicito patto: lavorare la terra per coglierne i frutti, ma tutelando l’equilibrio e la capacità di rigenerazione del suolo.

Ma non può esistere equilibrio e rigenerazione né nell’abbandono né nel sovrasfruttamento, due tendenze diffuse che oggi dobbiamo invertire a livello globale.

Il Santo invocato per scongiurare i danni

La lunga festa in onore di S. Sebastiano richiama ogni anno moltissime presenze; inizia il primo gennaio con il suono della campana e l’esposizione del Santo alla Città per proseguire il 20 gennaio con la Processione nel Fiume Calagni dove i devoti fanno sostare la vara invocando la grazia, questo rito rappresenta il complesso rapporto della Città di Tortorici con i fiumi.

Dopo la sosta al fiume inizia la « questua », il Santo viene portato per le vie della Città rientrando nella Chiesa di S. Nicolò. Nella domenica successiva al 20 gennaio, si svolge “l’ottava”: la Statua del Santo viene portata nuovamente in processione, sino all’arrivo nella Chiesa Madre dove, il giorno successivo, viene celebrato “u pirdunu” (il perdono).

 

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here