diplomati FaenzaSono 97 e sono pronti a fare conoscere il vino della Romagna in giro per la Penisola. Chiamarli ambasciatori non è corretto, la parola più adatta infatti è sommelier; sono i nuovi Diplomati che hanno portato a termine il percorso dei tre livelli stabiliti dalla didattica dell’Associazione Italiana Sommelier (Ais) e ora sono pronti per intraprendere nuove esperienze nel mondo enologico, tastedevin al collo e spilla nel bavero della giacca.

Nei giorni scorsi presso Borgo Condè a Forlì c’è stata la cerimonia di consegna dei Diplomi organizzata da Ais Romagna. Particolare importante, infatti, i 97 neo sommelier sono tutti romagnoli, in rappresentanza delle varie anime della nostra terra: 12 dal ravennate, 31 dal faentino, 22 da Cesena, 32 da Rimini.

Diplomati RavennaCi riempie di orgoglio il risultato portato a termine da un numero così ampio di iscritti ai nostri corsi – ha spiegato Roberto Giorgini, presidente di Ais RomagnaQuello che stupisce è la giovane età di tanti a testimonianza di un nuovo approccio al mondo del vino da parte delle nuove generazioni capace di portare linfa nuova al settore. A questo aggiungo un altro dettaglio che ci fa ancora più piacere: molti di loro ci hanno comunicato che proseguiranno il percorso formativo seguendo i corsi sulla tecnica di servizio, seminari sulla comunicazione e altro ancora”.

Diplomati RiminiI 97 nuovi arrivati si aggiungono agli oltre 1100 sommelier di Ais Romagna per un “esercito” di esperti pronto a dire la sua in più consessi. “Nei nostri corsi c’è stata una parola che abbiamo ripetuto a più non posso: territorio – ha proseguito Giorgini – Da tempo sostengo che la Romagna enologica ha tutte le carte in regola per competere con altre zone, grazie all’alta qualità dei suoi produttori. Compito dei nuovi diplomati sarà anche questo: fare scoprire all’intera Penisola un territorio che negli ultimi quindici anni ha fatto passi da gigante nelle sue produzioni”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here