Il gotha della produzione enologica dell’Emilia-Romagna torna a riunirsi nel cuore storico di Bologna per una tre giorni di vino e di cibo all’insegna dell’eccellenza.

Con un po’ d’anticipo rispetto al periodo canonico, dal 19 al 21 ottobre, si svolgerà infatti l’edizione 2019 di Enologica, il tradizionale Salone del Vino e del Prodotto Tipico organizzato e gestito come sempre dall’Enoteca Regionale dell’Emilia-Romagna.

Enologica anticipa e si consolida

Dopo le tante novità della passata edizione, quest’anno è stato il tempo di rinvigorire e consolidare la nuova traccia. Ecco quindi: l’ulteriore aggiustamento del periodo di svolgimento, per dar modo ai produttori di organizzarsi con maggiore tranquillità una volta finita la vendemmia, la conferma del duo Luca Gardini e Adua Villa chiamati a potenziare i seminari sui vini, gli incontri gastronomici con i migliori chef della regione e in generale la conoscenza territoriale dei prodotti cucinati, e non, abbinati ai vini.

Elementi che faranno per tre giorni del centralissimo Palazzo Re Enzo, sede “storica” di Enologica a Bologna, il fulcro di quanto di bello, buono e sano c’è in Emilia-Romagna.

La via Emilia virtuale del vino a Palazzo Re Enzo

Il salone centrale del Palazzo, che ospiterà un centinaio di produttori, si “trasformerà” in una via Emilia “virtuale”, spina dorsale della nostra regione, lungo la quale è possibile trovare gran parte delle eccellenze territoriali, a partire dai vini a denominazione: Albana e Sangiovese per la Romagna, Pignoletto per il bolognese, Lambrusco per il modenese, il reggiano e il parmense, Malvasia per il parmense e il piacentino, Gutturnio per il piacentino, con una piccola deviazione nel ferrarese per il Fortana, e senza dimenticare i tanti autoctoni che punteggiano collina e pianura.

Oltre 100 aziende vinicole in degustazione

In totale un centinaio di aziende vinicole con i loro vini in degustazione nei diversi banchi d’assaggio suddivisi nelle varie zone di produzione, dai Colli Bolognesi a quelli di Imola, dal Bosco Eliceo ai Colli di Parma, dall’Appennino Faentino a quello Modenese.

A fare da cornice a tutto questo, ci sarà anche un maxischermo che trasmetterà suggestivi video dei vari territori e gli incontri food & wine con Gardini, Villa e i loro ospiti.

Via Emilia Cooking & Wines Talk: il salotto buono di Enologica

“Via Emilia Cooking and Wines Talk” è proprio il titolo del “salotto” che ospiterà gli interessanti incontri curati da Luca Gardini e Adua Villa per valorizzare in cucina le materie prime emiliano-romagnole e gli abbinamenti con i vini regionali, il tutto inquadrato anche in un’ottica di turismo enogastronomico.

Protagonisti saranno quindi alcuni dei migliori e più interessanti chef della via Emilia che, mentre si cimenteranno ai fornelli nella preparazione di una pietanza per una piccola degustazione, si interfacceranno con esponenti del mondo turistico ed enogastronomico.

Tra gli argomenti in ballo i vini dolci, l’uso del legno nel Sangiovese, i rosé dell’Emilia-Romagna, il Pignoletto, l’olio EVO, i bianchi autoctoni, il Lambrusco e gli spumanti.

Gli ospiti e gli chef presenti

A condurre gli incontri, oltre ai due sommelier, saranno importanti rappresentanti del settore come Antonietta Mazzeo, giornalista e presidente delle Donne del Vino, Andrea Grignaffini, giornalista e critico, Andrea Gori, Ilaria di Nunzio, Othmar Kiem ed Eros Teboni, mentre i cooking show saranno affidati alle mani di chef esperti e celebrati quali Daniele Bendati, Irina Steccanella, Daniele Repetti, Federico D’Amato, Francesco Carboni, Silvia Cottafavi, Enrico Bergonzi, Teo Pesaresi e Christian Fava (gli incontri sono gratuiti e si possono prenotare a segreteria@enotecaemiliaromagna.it).

A FICO si conclude Tramonto DiVino

Il lungo weekend bolognese, dedicato ai vini e alle tipicità emiliano romagnole, continuerà poi anche alla sera. Il 20 ottobre, appena Enologica chiuderà i battenti a Palazzo Re Enzo, gli enoappassionati sono attesi a FICO, a partire dalle 18, per l’ultima tappa italiana di Tramonto DiVino, il road show che ha portato per tutta l’estate le eccellenze enogastronomiche regionali sulle spiagge e nelle città d’arte dell’Emilia-Romagna.

Una girandola di degustazioni

Una girandola di degustazioni che vedrà i sommelier Ais impegnati a raccontare e mescere i vini emiliano-romagnoli presenti sugli scaffali della Fabbrica Italiana Contadina. Tramonto DiVino chiuderà l’edizione 2019 all’estero: il 19 novembre a “InCantina”, il ristorante, enoteca, wine-bar di proprietà di Enoteca Regionale Emilia Romagna a Francoforte, durante la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo che la Regione ha voluto organizzare in Germania, il primo paese per esportazioni dell’agroalimentare italiano.

Il premio Carta Canta

Come di consueto, nella giornata del lunedì, riservata al pubblico degli addetti del settore, a Enologica ci sarà anche la cerimonia annuale di conferimento del Premio “Carta Canta” rivolto a ristoranti, enoteche, bar, agriturismi e hotel situati in regione, in Italia o all’estero che propongono un assortimento qualificato di vini regionali all’interno dei propri menù.

Una nuova accademia per promuovere la carta dei vini

Una importante novità è il progetto “Carta Canta Academy”, un corso per promuovere l’impresa ristorante, il primo del proprio genere a livello nazionale. Il corso si articola in 4 incontri, per un totale di 16 ore formative, che si svolgeranno a Bologna proprio nel mese di ottobre.

Il progetto Mediterranean Cheese & Wines

Inoltre, nell’ambito di Enologica 2019 sarà illustrato il programma “Mediterranean Cheese and Wines – MCW”, approvato nell’ambito del bando MULTI-C-2018 – REG. 1144/14 per la presentazione dei prodotti specifici DOP e IGP in Grecia, Francia, Germania e Italia. Prima dell’ingresso della manifestazione sarà allestito uno stand ad hoc.

Quanto costa partecipare

Enologica sarà aperta il sabato e la domenica dalle 11.30 alle 20 e lunedì dalle 11.30 alle 19. Il costo del biglietto d’ingresso giornaliero è di 20 euro inclusivi di calice per la degustazione di tutti i vini in esposizione, tasca portacalice, braccialetto per ingresso libero durante la giornata, catalogo della manifestazione ed accesso ai seminari, con riduzioni a 10 euro per gli operatori Horeca, Gdo, Import-export, distributori e i soci Aies, Ais, Fisar, Onav, Aspi e Assoenologi. L’accesso è consentito ai soli maggiorenni.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here