L’Epifania, come si suol dire, tutte le feste porta via. Vogliamo quindi chiudere “in dolcezza” questo lungo periodo di festività?

Io ho messo, come di consueto, le mani in pasta per voi, sperimentando una nuova coccola molto, molto golosa.

Chi non conosce i Ferrero Rocher, i cioccolatini fra i più golosi di sempre? Graditi a tutti, con il loro packaging accattivante, dalle tonalità che sanno di festa.

Una pralina ricoperta di cioccolato al latte e granella di nocciola, con il suo cuore croccante e la sua golosa scioglievolezza.

Preparare i Ferrero Rocher fatti in casa è divertente e, anche se un pochino impegnativo, da’ sicuramente soddisfazione. L’unico problema è che spariscono in un attimo.

Un ottimo fine pasto oppure un goloso cadeaux da offrire con il caffè ai vostri ospiti.

Ed è anche un buon presupposto per incominciare il nuovo anno con aspettative e pensieri positivi. D’altro canto si sa che il cioccolato, è un precursore della serotonina, l’ormone del buonumore. Ha un effetto antidepressivo, mette pace fra anima e palato.

Chi non è tentato, durante la propria giornata, di spezzare un quadratino di cioccolato da assaporare con calma? Godiamoci quindi questi piccoli piaceri e vediamo come si preparano.

Per 20 cioccolatini ci serviranno:

  • 250 gr  Wafer alla nocciola
  • 150 gr  Granella di nocciole
  • 3 cucchiai  Nutella
  • 20  Nocciole intere
  • 150 gr  Cioccolato al latte

La preparazione

Iniziamo a preparare i nostri cioccolatini frullando i wafer con un robot da cucina. In una ciotola versare i wafer sbriciolati ed aggiungere la nutella. Mescolare bene creando un composto sodo.  Intanto in una padella antiaderente far tostare le nocciole, oppure acquistarle già tostate.

Stendere con un mattarello tra due fogli di carta forno l’impasto ottenuto. Riporlo in frigo per circa mezz’ora a rassodare.

Trascorso il tempo necessario, tirare fuori dal frigo, inumidire le mani con acqua e prelevare un poco d’impasto. Formare delle palline grosse quanto una noce. Inserire all’interno una nocciola intera. Continuare fino ad esaurimento dell’impasto. Metterle su un vassoio e far raffreddare in frigorifero.

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Rotolare nel cioccolato le palline aiutandosi con due forchette. Far colare l’eccesso e rotolare i cioccolatini nella granella di nocciole.

Infine lasciare solidificare e metterli in pirottini di carta.

Se avete tempo e un po’  di creatività, potete fare delle piccole calze della Befana, anche con materiali di recupero.

Vecchi tagli di stoffe da cucire insieme e inserite all’interno i vostri golosi cioccolatini, con altri piccoli sfizi dolci come caramelle e gelatine.

Appendetele al camino o fuori dalla porta della cameretta dei vostri bambini e, al loro risveglio, sarà ancora festa.

Buon giorno dell’Epifania e Buon Nuovo Anno!

“Sopra i tetti, pian pianino
va la vecchia e dal camino
poi si cala e giù rimbalza
per riempire la tua calza
di carbone o di dolcetti
di arance e di giochetti.
Poi risale, se ne va
e un altro anno tornerà!”

Pubblicità
CONDIVIDI
Articolo precedenteCascina Fontane, le nocciole delle Langhe
Isabella Ligi
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here