Ferrara e la sua provincia debuttano sulla Guida Magnar Ben Best Gourmet, la guida gastronomica che racchiude ristoranti e produttori della macro-regione europea Alpe Adria, E’ la novità scaturita dalla presentazione dell’edizione 2019 della guida che da 23 anni, con i suoi 15 giornalisti guidati dall’enogastronomo Maurizio Potocnik, è il punto di riferimento delle tendenze di un territorio che include il Nord-Est d’Italia, l’Austria, la Slovenia e la Croazia.

Alpe Adria, una “regione” unica

Un territorio unico al mondo, dove da secoli si incrociano le culture della Serenissima, dei Balcani e della Mitteleuropa. Undici ristoranti della città estense e dei suoi dintorni, come ultimo lembo geografico di questa zona così peculiare, al confine con l’opulenta Pianura Padana, vanno quindi ad aggiungersi alle tante segnalazioni presenti: 400 ristoranti, 90 vini e 70 prodotti d’autore in tutto, scelti tra gli indirizzi e le selezioni migliori.

Gli undici ristoranti di Ferrara e provincia

Nello specifico si tratta di Cusina e Butega, Il Birocciante-L’officina della brace, La Romantica e Trattoria Le Nuvole a Ferrara, Al Cantinon a Comacchio, Locanda Ferrari a Goro, Osteria La Saraghina a Lagosanto, Abbazia di Pomposa a Pomposa, Al Cantino al Mare-Apollo 72, Pacifico e Re di Triglie Street Sea Food a Porto Garibaldi.

Anche loro, come tutti gli altri, avranno i giudizi espressi in piatti da 1 a 5 mentre per la carta dei vini il voto è espresso allo stesso modo in bicchieri e per quella delle pizze gourmet, ove presente, in spicchi.

I locali premiati per il 2019

Tra i locali premiati sulla Best Gourmet 2019 rientrano El Molin di Cavalese (miglior cucina creativa), Dam di Nova Gorica (miglior emergente), Agriturismo Due Laghi di Peschiera del Garda (miglior cucina da agriturismo), Hostaria San Benedetto di Montagnana (miglior piatto dell’anno col filetto alla Rossini), Locanda Le 4 Ciacole di Roverchiara (miglior piatto non cucinato con la degustazione di formaggi), Met – Hotel Metropole di Venezia (miglior ristorante d’albergo), Osteria Storica Morelli di Pergine Valsugana (miglior osteria), Caffè Garibaldi di Vicenza (miglior bistrot), Antico Veturo – Osteria V di Trebaseleghe (miglior menu gourmet al minor costo) e Villa Selvatico di Roncade (miglior cestino del pane).

Premi anche per vini ed eccellenze

Riconoscimenti anche per il Ferrari Riserva Lunelli 2009 (miglior spumante metodo classico), il Rosato Winkler 2017 (miglior metodo ancestrale), la Malvasia “Particella Mappale 366” 2015 di Specogna (miglior vino bianco), la Gran Malvazija 2016 di Coronica (miglior vino autoctono), il Refosco 2012 di Rodaro (miglior vino rosso), la veneziana al cioccolato e spezie di Loison (miglior dolce artigianale), il Panificio Bottecchia di Lago (miglior forno), la composta bio di pere e zenzero di Erica Fontana (miglior composta), il crudo di San Daniele del Prosciuttificio Bagatto (miglior prosciutto artigianale) e la Trota Oro del Lingotto delle Dolomiti (miglior prodotto di pesce).

Appuntamento a Jesolo per il gala

I premi saranno consegnati il prossimo giugno nel corso di una serata di gala a Jesolo alla presenza delle autorità, degli operatori del settore e della stampa specializzata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here