Un viaggio caratterizzato da sapori tradizionali, intensi, che riportano indietro nel tempo, radicati nelle diverse culture; un’esperienza che, partendo dagli alberghi più rappresentativi del gruppo, vuole sugellare un legame ancora più profondo con il territorio.

Cela tesori nascosti tutti da scoprire la Sardegna, terra intrisa di storia e piena di influssi culturali e unica nel suo genere, tutt’ora saldamente ancorata alle sue radici; un territorio ricco di materie prime eccellenti e costellato da paesaggi da sogno.

Le preziose piante

E’ famosa per le sue magnifiche coste con le fantastiche baie della Costa Smeralda e di Porto Rotondo, le lunghissime spiagge, come quelle di Capo Comino con le sue dune di sabbia bianca, e le calette nascoste e solitarie, come Cala Capra, ai piedi del caratteristico Capo d’Orso.

Ma la vera essenza della Sardegna è nell’entroterra, e Flavours of Italy la svela attraverso due elementi distintivi: il conosciutissimo e amatissimo Mirto e la poco nota Pompia.

Il Mirto è uno dei simboli del territorio sardo, una pianta vigorosa con i suoi frutti piccoli e tondeggianti e ricca di Vitamina C, presente nella regione in oltre 200 varietà di MyrtusCommunis a bacca nera e circa 30 varietà a bacca bianca.

Molte le aziende che si dedicano alla coltivazione e lavorazione del mirto, tra queste particolarmente interessante è il progetto dell’azienda Sannai, fondata nel 2015 da Antonio Castelli nel cuore della Gallura, a poca distanza dalla Costa Smeralda.

Qui ogni pianta cresce nel suo ideale contesto naturale, senza trattamenti fitosanitarie con coltivazione perfettamente biologica.

Da queste piante preziose Sannai produce artigianalmente quattro varietà di liquore e amaro: il Mirto di Bacche “Maria Antonietta”, il Mirto di Bacche e Foglie “Beatrice”, il Mirto e Miele “Giovanna”, e il Mirto Bianco “Grazia”.

Una produzione di solamente 4000 bottiglie a stagione ed un processo interamente manuale, dalla raccoglitura all’imbottigliamento.

La Pompia, un agrume poco conosciuto presidio Slow Food

Questo frutto è stato generato spontaneamente dall’ibridazione naturale del cedro con l’arancia amara, ed è considerato uno dei frutti più rari al mondo. Custode di questo agrume prezioso è il territorio di Siniscola.

Il frutto, dotato di una scorza spessa e bitorzoluta può essere consumato solo dopo lunghe e attente lavorazioni.

Poche le aziende che lo coltivano e lavorano, tra questi Claudio Secchi, che insieme alla madre, titolare del Panificio Pau, coltiva alcune piante e produce e commercializza diversi alimenti a base di Pompia.

Il dolce più tradizionale è “sa Pompiaintrea” cotta per diverse ore nel miele per diventare un prelibato dolce regalato e consumato in occasione di matrimoni, a dimostrazione della preziosità del frutto.

Altrettanto prelibata e rara è la “s’Aranzata”, realizzata lavorando la Pompia insieme alle mandorle. A questi dolci tradizionali si aggiunge oggi la produzione di confetture e bevande alcoliche, mentre la sua buccia, ricca di proprietà, viene utilizzata anche per la produzione di oli essenziali dalle molteplici proprietà benefiche.

L’accoglienza

Punto di partenza ideale della scoperta del mare e dei sapori autentici della Sardegna è il Sulià House Porto Rotondo, Curio Collection by Hilton, moderno ed elegante boutique hotel immerso nella natura e sospeso tra il mare e il cielo di fronte il Golfo di Cugnana e il suo ristorante Pasigà by Claudio Melis.

L’albergo, collocato a poca distanza dal mare sulle pendici delle rocce della Sardegna che discendono veloci verso la costa, permette di ammirare il miglior panorama e i tramonti intensi in un paesaggio che apre il cuore e ispira serenità.

Oliveto SardegnaI profumi delle erbe aromatiche che circondano l’albergo, i colori del cielo, l’azzurro intenso dell’acqua e le voci della natura fanno da cornice ad una vacanza perfetta, lontani dalla folla.

Fiore all’occhiello del Sulià House, il nuovo ristorante Pasigà by Claudio Melis, lo chef stellato di origini sarde, tornato alle sue origini con un concetto di ristorazione che combina heritage e innovazione, la ricca storia culinaria sarda con un tocco fresco e innovativo.

Una vacanza tutta italiana

La creatività e l’amore per i sapori di Sardegna del Pasigà Restaurant, si esprimono anche con alcuni piatti creati per la celebrazione dell’utilizzo del Mirto e della Pompia in cucina.

Tra questi ricordiamo il Pistoccu con pomodorini marinati alle bacche di mirto appassite e tonnetto locale, i Tagliolini di pasta all’uovo, cacio, pepe e gamberi rossi con Pompia conservata 40 giorni sotto sale, il Galletto marinato con bacche di mirto e millefoglie di patate, il Semifreddo di ricotta di pecora in zuppetta di fragole e pomodorini con Pompia candita alle alghe.

Sempre al Sulià House Porto Rotondo il Mirto e la Pompia entrano anche nel mondo del Mixology, attraverso le mani esperte di Mauro Spadetto, barman del Pasigà Restaurant, che ha creato due drink, speciali: una variazione del drink Etere – con Mezcal infusa allo zafferano, basilico rosso e bucce di Pompia, acqua tonica elderflower e succo di Pompia con spuma di lavanda, Elderflower e Pompia- e un cocktail di Mirto bianco con Mezcal al basilico rosso, succo di Pompia e spuma di lavanda, sambuco e Pompia.

Flavours of Italy per una Sardegna tutta da scoprire, con meravigliosi segreti poco conosciuti, da gustare in una splendida vacanza tutta italiana negli hotel del gruppo Hilton con esperienze gastronomiche uniche scelte per i propri ospiti gourmet.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here