Goppion Caffè fa scuola nelle caffetterie per festeggiare i settant’anniArchiviati gli appuntamenti di ieri e l’altro ieri rispettivamente alla storica Pasticceria Dalla Torre di Treviso e a Castelfranco Veneto, oggi gli esperti della storica torrefazione Goppion Caffè si presentano a Padova, per la gioia degli appassionati del caffè, la bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua.

Gli estimatori più curiosi potranno quindi fare esperienza di un piccolo percorso formativo che parte dalla botanica per arrivare al caffè con la moka perfetta, con approfondimenti e degustazioni per capire la differenza tra Robusta ed Arabica fino alle estrazioni alternative con i sistemi a filtro V60 e French Press.

Per l’autunno arriveranno nuove date; gli incontri della “Scuola di Caffè” Goppion in caffetteria sono gratuiti e aperti al pubblico previa iscrizione.

Con i corsi in caffetteria l’azienda trevigiana che, quest’anno festeggia i 70 anni, sceglie oggi di rivolgersi a tutti coloro che amano il caffè senza viverlo come professione.

Goppion Caffè, formazione per professionisti e non

Goppion Caffè fa scuola nelle caffetterie per festeggiare i settant’anniGoppion Caffè infatti da oltre quindici anni propone già momenti di formazione a baristi e professionisti del settore ed ora è arrivato anche il momento di un pubblico di appassionati.

In Italia il caffè è tradizione, ha detto Paola Goppion, ma non sono diffuse una cultura e una conoscenza del caffè di qualità. Riconoscere un buon caffè, saperlo fare a casa, intendere le differenze tra le miscele aiutano il consumatore a capire che una tazzina non è una semplice tazzina, è una storia che arriva da lontano e che non è sempre uguale. Imparare a conoscere il caffè aiuta a capire il piacere di un prodotto fatto bene, quello che lascia un retrogusto piacevole”.

Ad accompagnare gli iscritti al corso in questo percorso formativo Goppion Caffè mette in campo Denis Dzekulic, trainer certificato del mondo del caffè, che si occupa di formazione e qualità per i baristi, sia in caso di nuove aperture che di clienti già acquisiti, sia in Italia che all’estero.

Goppion Caffè fa scuola nelle caffetterie per festeggiare i settant’anniPer il mondo dei professionisti invece nel 2017 l’azienda ha dato vita a Goppion Scuola di caffè, una serie di corsi per specializzare il barista a diversi livelli, anche certificati, con un programma di 14 incontri in azienda e in sedi distaccate ad Udine e Padova, pensati per professionisti suddivisi tra livello teorico e pratico, tra base e avanzato. Dalle regole semplici per fare un buon caffè al Cup Tasting, esperienza nel mondo del gusto per formare il palato da intenditore.

Goppion Caffè, un’azienda in salute

La storica azienda di torrefazione trevigiana occupa oggi 35 dipendenti e sviluppa un fatturato di 11,5 milioni di euro; la quantità di caffè lavorato è circa 1 milione e 200mila kg dei quali l’ 81% venduto sul territorio nazionale e di questo il 60% è rappresentato dal canale Ho.Re.Ca. ed il rimanente 40% nella Gdo. Le esportazioni in Europa, nord Africa, medio ed estremo oriente rappresentano il restante 19% del fatturato totale aziendale, in rapida ascesa.

Goppion Caffè fa scuola nelle caffetterie per festeggiare i settant’anniDal 2016 Goppion è certificata FSSC 22000, uno schema di certificazione rivolto ad organizzazioni produttrici di alimenti con l’obiettivo di armonizzare i requisiti di certificazione ed i metodi e i sistemi di sicurezza alimentare nella filiera, a garanzia del consumatore finale.

Dal 1997 fa parte di CSC®, Caffè speciali Certificati, un Consorzio nato dall’impegno di dieci torrefattori italiani ricercatori della qualità all’origine, del caffè di piantagione con le quali ha un rapporto diretto.

Sempre dal 1997 la torrefazione trevigiana produce caffè biologico a proprio marchio, un caffè speciale certificato da Fairtrade e da CCPB ed è tra i fondatori del Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale, candidato al riconoscimento da parte di Unesco come bene immateriale dell’Umanità.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here