teatro di FermoLo spettacolo degli eventi che per sette mesi ha animato il Grand Tour delle Marche, con un successo andato oltre le più rosee aspettative, si congeda con un colpo di teatro; sabato 24 novembre, infatti, il prestigioso Teatro dell’Aquila di Fermo ospita l’ultimo atto dell’intenso percorso che ha presentato, a turisti e residenti, la “Marche Experience” attraverso ben 30 iniziative che, da maggio e novembre, hanno animato piazze e vie di borghi storici e città della regione.

Il “closing event” particolarmente significativo. Per questa fase finale sarà lo spettacolo “Up & down” che vedrà protagonista Paolo Ruffini. L’imprevedibilità e l’irriverenza accompagnano gli spettatori in un viaggio che racconta la meraviglia di essere speciali e la bellezza potente della vita, espressa attraverso le diversità di ognuno di noi.

Grand Tour delle Marche: teatro e solidarietà

Paolo Ruffini
Paolo Ruffini

In questa rappresentazione, Paolo Ruffini porta in scena 97 artisti, metà dei quali disabili: gli attori della Compagnia Mayor Von Frinzius, compagine teatrale livornese nata nel 1997, collaborano con l’associazione Haccompagnami e sono diretti da Lamberto Giannini.

Lo spettacolo, che è parte del format “Centodieci è arte”, apre ufficialmente anche “Fermo magica”, il programma di iniziative che accompagnerà per tutto il periodo natalizio la città marchigiana, divenuta negli ultimi anni una meta imperdibile delle festività invernali per qualità delle proposte e novità delle attrattive che ogni anno è in grado di offrire ai visitatori.

Angelo Serri
Angelo Serri

L’edizione 2019 del Grand Tour delle Marche – sottolinea Angelo Serri, direttore di Tipicitàè stata una bellissima ed ininterrotta sequenza di magia, arte del saper fare, buoni sapori, folklore e suggestioni artistiche e musicali. Queste sono le Marche che anche la prestigiosa Lonely Planet descrive come meta imperdibile e che attraverso gli eventi sanno dare il meglio di sé ad un viaggiatore attratto dall’identità dei luoghi e dall’autenticità dell’esperienza!”.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here