Mauro UliassiBeer&Food Attraction, la fiera di riferimento per l’eating out svoltasi recentemente alla fiera di Rimini, abbiamo incontrato lo chef tre stelle Michelin Mauro Uliassi.

Lo chef marchigiano è intervenuto alla manifestazione di Italian Exhibition Group come padrino d’eccezione per un contest particolare: quello dei Ragazzi Speciali organizzato ai Campionati di Cucina Italiana della FIC Federazione Italiana Cuochi.

I giovani cuochi si sono messi alla prova con la preparazione di uno starter ispirato alla cucina mediterranea e di un antipasto all’italiana.

Com’è diventato chef?

Mauro UliassiPrima, pur lavorando come cuoco non mi “batteva il cuore” per la cucina. Quando la mia innamorata mi ha chiesto di cucinare per il suo compleanno, l’ho fatto con tutta la passione che allora provavo per lei, rendendomi conto che gli invitati erano rimasti completamente sedotti da quello che avevo preparato.

“Da quel momento ho realizzato quanto fosse bello cucinare per fare piacere agli altri e di riflesso quanto facesse felice anche me”. 

All’inizio volevo fare altro: avrei voluto continuare a studiare, intraprendere una strada diversa da quella della ristorazione. Poi mi sono reso conto che possedevo una capacità che in qualche modo non solo mi poteva far vivere molto bene, ma mi regalava anche grande soddisfazione. Così ho capito che quella era la mia strada.
È la prima volta che viene in fiera?
No, anche se di recente non sono potuto venire perché sono stato preso da numerosi impegni. Non ho più molto tempo per me e per partecipare agli eventi. Questa è stata un’occasione speciale.

Mi può anticipare la ristorazione verso quale futuro sta andando?

piatto uliassiC’è sempre una maggiore consapevolezza nel fare questo mestiere bene e in modo sostenibile. Quello che fai oggi potrebbe creare problemi per quelli che verranno e questa consapevolezza ti impone un certo tipo di comportamento, anche nella ristorazione. Per quanto riguarda il mio lavoro e la ristorazione in generale, stiamo andando verso una cucina sempre più attenta al palato, ma al tempo stesso alla salute.

Cosa ne pensa dell’accostamento birre artigianali a piatti gourmet?

Beer&Food AttractionApprezzo molto chi riesce a creare abbinamenti ad hoc. E’ giusto studiare e sperimentare. Anche in cucina bisogna continuare su questa strada.

Quali progetti ha per il futuro?

Ho in cantiere 4 nuovi progetti, ma per il momento… preferisco non svelare niente. Comunque, a tempo debito farò sapere tutto: Stay tuned!

By Silvia Giorgi (https://iegexpo.it)

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here