Gli italiani amano il Presepe natalizio ed ogni  paese, ogni borgata, ogni chiesa e quasi ogni casa ha la sua raffigurazione della Natività; alcune delle quali davvero suggestive.

Il Presepe di Manarola

Uno dei Presepi più grandi al mondo, si trova a Manarola, nelle Cinque Terre e coinvolge praticamente l’intero borgo; per allestirlo sono stati stesi 8 km di cavi elettrici, avvitate 17.000 lampadine e utilizzati oltre 300 figure a grandezza naturale.

Lo si può vedere da varie prospettive, passeggiando lungo il paese ligure, ma la vista migliore e più bella è quella serale, dal sentiero Manarola – Riomaggiore, che attraversa la cima del colle e inizia nella piazza principale del paese ; lungo il percorso ci sono 3 piccole aree di osservazione, a diversi livelli, per arrivare alle quali occorre salire per 170, 250 o 320 gradini. La vista più sbalorditiva sul presepe si apre dall’area più alta.

Il Presepe di Lignano Sabbiadoro

A Lignano Sabbiadoro il Presepe lo si fa da quindici anno sulla spiaggia, addobbata a festa per l’arrivo dei numerosi visitatori: l’attrazione principale è il grande Presepe di sabbia che occupa un’area di circa 400 mq, allestita dietro la Terrazza a Mare, dove un artista coordina una squadra di dieci aiutanti. 

Il presepe è stato realizzato utilizzando circa 5000 quintali di sabbia della spiaggia di Lignano e, a differenza della passata edizione che vedeva un’impostazione teatrale e classica, il presepe di quest’anno è caratterizzato da una passeggiata di circa 80 metri attraverso diversi blocchi scultorei, altorilievi la cui verticalità tende a far perdere l’orientamento al visitatore, che verrà letteralmente rapito dalle varie scene rappresentate.

Il Presepe di Pennabilli

Per un mese intero il borgo medievale di Pennabilli, fra i più suggestivi dell’intera Romagna, si veste a festa per le feste Natalizie.

La sua rupe, antica sede del castello diBilli che domina il borgo medievale e guarda l’antistante rocca di Penna, è stata allestita con un grande Presepe che ospita sagome della Natività alte 4 metri, luci che creano atmosfera e illuminano il paesaggio.

Le sagome sono visibili anche di notte e contribuiscono a creare un paesaggio da favola contribuendo a fare del Presepe di Pennabilli una delle più grandi installazioni in Italia.

Anche nel resto del piccolo borgo del Montefeltro sono numerose le esposizioni di Presepi artigianali realizzati dagli abitanti ed esposti all’aperto o in diverse chiese, come ad esempio nella chiesa di San Filippo, dov’è allestita la mostra permanente “Presepi d’Autore” composta da alcuni presepi artistici.

Il Presepe di Tarquinia

Figuranti in costume,guardie romane, soldati, ma anche fachiri, serpenti, giochi di fuoco e danze con le spade sono tra i protagonisti del Presepe Vivente di Tarquinia, che non è una semplice rappresentazione della Natività, ma una vera e propria rappresentazione della Palestina di 2000 anni fa.

Lo spettacolo si terrà al calar delle tenebre nei giorni del 26 e 30 dicembre e il 6 gennaio, con partenza dal Convento di San Francesco, lungo strade, piazze e vicoli della città, con vista mozzafiato sulle colline della Tuscia Viterbese.

Per rendere l’evento ancora più intenso e coinvolgente, ogni quadro vivente sarà una scena entusiasmante e al contempo gustosa: nelle locande i visitatori potranno assaporare una buona zuppa calda, bruschette con il prelibato olio della Tuscia, castagne e vino e sarà davvero emozionante ammirare dal vivo il lavoro dei pastori intenti a mostrare le tecniche di realizzazione del formaggio.

Il Presepe di Condino

A Condino, in provincia di Trento, quando il Bambinello nasce nella culla del Presepe, l’atmosfera diventa magica: l’abitato, con le sue sette contrade, si trasforma in un luogo che evoca il meraviglioso evento della nascita di Gesù in maniera davvero originale.

Nel corso della manifestazione, in programma quest’anno fino al giorno dell’Epifania, le numerose fontane del paese si trasformano infatti in presepi, piccoli capolavori artistici che proiettano la Sacra Famiglia in ambienti particolarmente suggestivi.

Il Presepe della Solfatara di Predappio Alta

In Romagna uno dei Presepi più famosi è senz’altro quello che da decenni viene allestito nella grotta della Solfatara di Predappio Alta, nel forlivese; la sua collocazione, nelle viscere della montagna in un’antica cava di zolfo, attira ogni anno migliaia di visitatori, spesso gruppi organizzati, anche da fuori dai confini della Romagna.

Come nelle precedenti edizioni, il Presepe della Solfatara di Predappio Alta, allestito dalla locale Pro Loco, comprende incantevoli scene bibliche, meravigliose statue meccaniche, musiche, luci e scenografie spettacolari.

Il Presepe della Marineria di Cesenatico

Cesenatico allestisce un Presepe che è unico al mondo ed anche il più fotografato del mondo: non ci sono grotte o capanne con i sentieri coperti di muschio, le cime innevate e le pecorelle al pascolo a fare da sfondo alla Natività, bensì Bragozzi, Battane, Lance, Trabaccoli Paranze e Barchét, le antiche e coloratissime antiche imbarcazioni dell’alto e medio Adriatico.

Nella romantica cornice del porto canale leonardesco le imbarcazioni del Museo della Marineria ospitano la Sacra Famiglia, i Re Magi e tutti gli altri personaggi del presepe, e qui, accolto da tre delfini scolpiti, la notte di Natale, nascerà il Bambino.

A fare da sfondo c’è la città con lo scorcio suggestivo delle antiche Conserve e delle case colorate che si specchiano nell’acqua del porto canale di Cesenatico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here