La pasta fatta a mano sa di altri tempi, ci fa venire in mente una domenica mattina di festa, le nonne, le mamme, la famiglia.

Fare la pasta fatta a mano è un po’ come fare un viaggio d’altri tempi. Dalla sfoglia ottenuta, lavorando uova e farina, si potevano ottenere, tagliatelle, tagliolini, tortelloni e molto altro.

Il sapore di una semplicità che non tramonta mai. Ancora oggi la sfoglia per la pasta fresca viene lavorata nei laboratori di pastifici, dove sai di poterti recare e trovare sempre la scelta più adatta a te.

Con il deciso ritorno del mangiar sano e con materie prime di qualità, riscopriamo il piacere della tradizione culinaria italiana. Semplice ed ancora oggi attuale.

I tagliolini o taglierini sono un formato di pasta che si colloca tra i capellini e le tagliatelle, una sorta di spaghetto sottile ma allo stesso tempo corposo dalla cottura veloce.

Molto diffusi in Molise e in Piemonte, vengono solitamente proposti con sughi delicati.

Oggi vi invito a provare a fare i tagliolini fatti a mano, direttamente dalle cucine di casa vostra. Poche e semplici mosse. Allacciate i grembiuli e seguitemi.

Per circa 500g di tagliolini ci serviranno:

400g di semola di grano duro

4 uova intere

1 presa di sale

La preparazione

Mettete la farina sulla spianatoia e create un buco al centro dove all’interno sguscerete le uova. Incominciate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, dando la forma di una palla.

Avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare per almeno 30 minuti a temperatura ambiente.

Una volta trascorso il tempo di riposo, prendete l’impasto e prendetene un pezzetto tagliandolo con un coltello affilato o con l’apposito tarocco, accessorio tagliapasta.

Stendete la pasta con un mattarello di legno fino ad ottenere una sfoglia piuttosto sottile, di circa 5 mm di spessore.

Una volta ottenuta la sfoglia arrotolatela su se stessa, ottenendo così un rotolo compatto da cui ricaverete fettine da circa 2/3 mm di spessore.

Fatta questa operazione srotolate le fettine di pasta all’uovo ed ecco i vostri tagliolini! Pronti per essere tuffati nell’acqua bollente a cuocere ed essere conditi.

Oggi li facciamo così, con un sugo alla carbonara di mare

La carbonara di mare è una variante gustosa e delicata della più classica carbonara fatta con il guanciale e le uova.

In questa ricetta si prevede l’utilizzo di pesce fresco pregiato dalla carne tenera, quale salmone, pesce spada e tonno.

La modalità di esecuzione è molto simile alla carbonara classica, con anche l’abbinamento delle uova e perfino del parmigiano, ebbene si. Vi stupirete di quanto il risultato sarà sorprendente.

Utilizzeremo quindi dei tranci di pesce come indicato e più precisamente ci serviranno: per 4 persone:

350g di tagliolini freschi

Pesce spada 150g

Salmone 150g

Tonno fresco 150g

3 tuorli

Parmigiano grattugiato 30g (o pecorino a piacere)

½ Scalogno

Sale e pepe q.b.

Prezzemolo

Olio Evo

La preparazione

Dopo aver ripulito bene i tranci dalla pelle, tagliateli a cubetti. Questi di pesce ricordano i cubetti più classici del guanciale.

Fate scaldare dell’olio in una padella con lo scalogno, versate i cubetti di pesce, salate e pepate e fate cuocere per qualche minuto. Intanto mettete a bollire l’acqua per la pasta e cuocetela.

Sgusciate le uova in un recipiente capace e utilizzate solo i tuorli aggiungendo un pizzico di sale e pepe e mescolate il tutto con una frusta aggiungendo man mano anche il parmigiano o il pecorino.

Scolate i tagliolini e versateli nel recipiente insieme al composto di uova, mescolate e amalgamate tutto velocemente ed infine versate tutto nella padella con i cubetti di pesce. Mantecate la pasta aggiungendo anche un poco di acqua di cottura, il tutto a fuoco spento. Tritate grossolanamente del prezzemolo e distribuitelo sui tagliolini.

N.B. attenzione a non far strapazzare le uova che vanno amalgamate alla pasta sempre fuori dal fuoco. Non aggiungere panna da cucina. E’ inoltre consigliabile consumare subito il piatto senza conservarlo né surgelarlo.

Un piatto dal sapore deciso ma allo stesso tempo delicato, per chi ama i sapori del mare. Una gustosa variante assolutamente da provare che vi darà soddisfazione.

In abbinamento a questo piatto questa settimana si consiglia un vino bianco secco fresco a 8/12 gradi. Un Soave, vino bianco Doc prodotto nella provincia di Verona.

Pubblicità
CONDIVIDI
Articolo precedenteNella zona del Delta del Po la prima filiera italiana della quinoa
Prossimo articoloSi riparte con gli eventi: il Primo Maggio romagnolo al Rio del Sol
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here