Alzi la mano chi non è goloso a Carnevale? E non vale solo per i più piccini ma anche per i più adulti. La tradizione vuole che si faccia onore al dolce per eccellenza del periodo: le chiacchiere.

Tra i dolci di Carnevale più conosciuti e amati ci sono senza dubbio le chiacchiere. Diffuse in tutta Italia, queste sfoglie friabili prendono nomi differenti da Nord a Sud, come bugie in Piemonte, crostoli in Veneto o frappe nel Lazio.
La ricetta subisce quindi qualche variante regionale, ma alla base c’è sempre un impasto con uova, farina, burro a cui viene aggiunto del liquore, dal vino bianco al Marsala, passando per la grappa. O, come nella nostra versione, del liquore Strega. Per quanto riguarda la cottura, le chiacchiere di Carnevale si dividono in chiacchiere al forno (più light) o fritte, come in questo caso e come vorrebbe la ricetta originale.
La frittura, oltretutto, è alla base di molte ricette di Carnevale, dalle Castagnole alle Graffe, passando per gli Struffoli, peccati di gola che in questo periodo è impossibile non concedersi.

Chiacchiere, la preparazione

Per preparare le chiacchiere riunite in una ciotola tutti gli ingredienti: la farina, l’uovo, il burro morbido, il latte, il liquore, lo zucchero e il sale.

In proporzione queste sono le quantità:

  • 250 g di farina 00
  • 1 uovo
  • 10 g di burro morbido
  • 50 ml di latte
  • 1 cucchiaio colmo di zucchero semolato
  • 15 g di liquore Strega
  • la scorza di ½ limone (se piace)
  • sale un pizzico
  • olio di semi di arachide per friggere
  • zucchero a velo

Impastate il tutto fino ad ottenere una pasta morbida e omogenea. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola per alimenti e fatela riposare per 30 minuti in frigorifero.

Dividete l’impasto in tanti pezzetti e stendeteli, uno alla volta con l’apposita macchina sfogliatrice, o a mano con il mattarello, come ho fatto io.

Con una rotella dentellata rifilate i bordi e ricavate dei rettangoli. Procedete in questo modo fino a esaurimento della pasta.

Una volta ultimato questo procedimento, friggete le chiacchiere in olio a 170°, poche alla volta, scolandole a mano a mano con un mestolo forato e lasciandole asciugare su carta da cucina. Spolverizzatele con zucchero a velo e servitele subito.

Se volete però una versione più “light” procedete mettendo i rettangoli di pasta su di una teglia rivestita di carta forno e infornate, a forno già caldo, a 180° per circa 20 minuti. Le vostre chiacchiere saranno ugualmente golose e profumate, ma con un occhio alla leggerezza.

Le castagnole di Carnevale

Se poi vi avanza tempo potete cimentarvi con la variante farcita, le castagnole che prevedono la farcitura con crema pasticcera, Nutella o panna, per i più golosi.

Gli ingredienti sono gli stessi utilizzati per la preparazione delle chiacchiere. Con l’aggiunta di una dose superiore di olio di semi per friggere, essendo la pasta più spessa.

Anche le castagnole, volendo una versione più light, possono essere cotte in forno.

Ed ora per concludere una carrellata di dolcezza tutta dedicata al Carnevale. Buon divertimento!

Pubblicità
CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Romagna del Vino, le iniziative del Consorzio Vini di Romagna
Isabella Ligi
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here