Il Filetto alla Wellington è una ricetta di sicuro successo, un secondo piatto originale e gustoso ed anche scenografico da portare in tavola per stupire occhi e palato dei vostri ospiti.

Si tratta di un arrosto di filetto in crosta di pane o pasta sfoglia, perfetto da presentare in occasioni speciali o anche per il pranzo di Natale.

La carne rimane rosea come per il roast beef e di una tenerezza incredibile. Il filetto di manzo in crosta viene ricoperto con funghi e prosciutto crudo che donano un mix di sapori indescrivibile.

Provate questa ricetta del Filetto alla Wellington, è davvero meraviglioso e anche abbastanza semplice da preparare. Se amate la carne in crosta o preparazioni simili, vi consiglio di provarlo.

Un po’ di storia

La storia del Filetto alla Wellington ha origine nel 1815 in Inghilterra quando Arthur Wellesley fu nominato Duca di Wellington in seguito alla sconfitta di Napoleone a Waterloo. Un giorno, sulla tavola apparve un arrosto molto speciale, preparato dai cuochi del palazzo che cercavano in tutti i modi di accontentare i suoi gusti molto ricercati. Era un filetto in crosta che assomigliava agli stivali del Duca: entrambi di forma cilindrica e dorati. Fu così che nacque il Filetto alla Wellington.

Come si prepara il filetto in crosta

Ci serviranno, per 6 persone:

800gr Filetto di manzo

200gr Prosciutto crudo

1 rotolo di pasta sfoglia o brisée (a piacere)

400 gr  di funghi champignon

1 spicchio d’aglio (facoltativo)

1 ciuffo di prezzemolo

30 gr di senape

2 cucchiai di panna liquida da cucina

Sale q.b.

Pepe q.b.

1 tuorlo d’uovo

Olio Evo q.b.

Preparazione

Prendete il vostro filetto, già pulito dalle parti grasse e massaggiatelo molto bene con sale e pepe su tutta la superficie, in modo che penetri all’interno della carne.

In un tegame, scaldate 3 cucchiai di olio extravergine di oliva e fate rosolare il filetto di manzo a fiamma moderata su ogni lato,  per circa 10-12 minuti, stando attenti a non infilzare la carne (neanche con una forchetta!). Questa operazione serve a favorire la cottura e a sigillare bene la carne, in modo che tutti i succhi rimangano all’interno e avere una carne tenerissima.

Una volta ben rosolato disponetelo su un piatto, fate intiepidire e spennellatelo con la senape. Normalmente io utilizzo quella dolce ma se vi piace utilizzate anche la versione un po’ piccante. Tenete da parte.

Nel frattempo pulite i funghi, eliminando la parte terrosa del gambo e tagliateli a pezzetti. In una padella antiaderente, scaldate 1 cucchiaio di olio e fate rosolare uno spicchio di aglio in camicia (facoltativo) e schiacciato con la lama di un coltello.

Unite i funghi un pizzico di sale e una spolverata di prezzemolo tritato e fate cucinare per 5-6 minuti a fiamma moderata. In questo modo i funghi sprigioneranno tutto il loro sapore e nel frattempo perderanno l’acqua in eccesso. Lasciate poi raffreddare. Poneteli in un robot da cucina e frullate insieme a due cucchiai di panna liquida in modo da ottenere una specie di purea.

Stendete un foglio di pellicola trasparente e appoggiate 8 fette di prosciutto crudo creando una croce

Al centro stendete una parte dei funghi, della stessa grandezza del filetto di manzo. Sopra ai funghi aggiungete la carne e ricopritela interamente con il resto del composto.

Impacchettate il filetto con il prosciutto crudo, alzando prima le due fette di crudo per ricoprire la parte davanti e dietro della carne e poi, aiutandovi con la pellicola sottostante, avvolgete anche i bordi.

Una volta avvolto il filetto all’interno della pellicola  arrotolate bene i bordi a caramella, stringendo e premendo molto bene. Mettete in frigorifero a riposare per 30 minuti.

Accendete il forno a 200° e fatelo scaldare. Tirate fuori dal frigo il filetto e disponetelo su una teglia ricoperta da carta forno. Se volete, potete tenere da parte una piccola parte di pasta sfoglia in modo da decorare la superficie della copertura con una griglia o come più preferite, bucherellandola con i rebbi di una forchetta.

Spennellate con un 1 tuorlo d’uovo allungato con poco latte e infornate per circa 35-40 minuti.

Il vostro Filetto alla Wellington sarà finalmente pronto. Lasciatelo raffreddare per 10 minuti e poi tagliatelo a fette con un coltello ben affilato o con un coltello elettrico se lo avete. Le fette verranno ancora più belle e precise.

Potete servire il vostro arrosto in crosta con delle patate Duchessa, un contorno semplice e sfizioso che ben accompagna la carne. Si fanno con patate, parmigiano, poco burro, tuorlo, sale e noce moscata.

Dopo avere amalgamato tutti gli ingredienti alle patate lessate e schiacciate, mettete il composto in una sac à poche con la bocchetta a stella.

Spremete dei piccoli ciuffetti di impasto su una teglia ricoperta di carta forno. Una volta completata la teglia, infornate a 180° per circa 15 minuti fino a doratura.

Ed anche il vostro contorno veloce e gustoso è servito.

In abbinamento alla carne rossa si consiglia un vino rosso corposo come il Montepulciano d’Abruzzo, dal gusto armonico e coinvolgente.

Pubblicità
CONDIVIDI
Articolo precedenteAndiamo fuori a dieta, l’app per tenersi in forma con gusto
Prossimo articoloL’ascesa dei Wine Club in Italia: Cantina Ruggeri pioniere
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

2 Commenti

  1. Scusa Isa, io sono un po’ capocciona e forse non ho letto bene, ma la pasta sfoglia intorno al filetto quando si mette?

    • La pasta sfoglia deve essere messa per ultima. Cioè questa la sequenza:
      prima va avvolto l’arrosto dalla crema di funghi
      poi di seguito lo avvolgi con le fette di prosciutto crudo e lo metti nella pellicola, avvolto ben stretto, a riposare in frigo per 30 minuti.
      L’ultimo passaggio è quello della pasta sfoglia. Una volta tolto dal frigo e tolta la pellicola, lo avvolgi nella pasta sfoglia ed è pronto poi da infornare per la cottura finale.
      Spero di esserti stata utile e fammi sapere se lo fai come è venuto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here