Oggi siamo in Liguria e vi presento la Sardenaira, ricetta di un’ottima “pizza rossa” assaggiata proprio in occasione di una breve vacanza nel ponente ligure durante le festività natalizie.

La Sardenaira è una specialità della tradizione sanremese, una variante della più classica focaccia, alta e soffice.

Il nome deriva dal fatto che un tempo, infatti la preparazione risale al 1500, veniva condita con le sarde, che sono state successivamente sostituite con le acciughe sotto sale.

L’impasto è simile a quello della pizza, ma viene infornato in una teglia di alluminio rettangolare, condita con salsa di pomodoro verace, acciughe, olive taggiasche, capperi e origano. Qualcuno ci aggiunge anche la cipolla secondo il gusto.

È perfetta in ogni momento della giornata; difficile passare per Sanremo e non fare tappa in una tavernetta tipica ad assaporarla.

Nell’impasto andrà aggiunto un ingrediente che farà la differenza: una patata; una sola basta per dare all’impasto una consistenza diversa più morbida e avvolgente.

Per preparare la Sardenaira ci serviranno:

Ingredienti per 8 porzioni

Per l’impasto

500g farina 00 – 300ml acqua – 50ml latte – 60ml olio extravergine di oliva – 1 patata bollita – 1 panetto di lievito di birra fresco – un pizzico di sale

Per il condimento  

1 Bottiglia salsa di pomodoro verace – 15 olive taggiasche – 1 cucchiaino di origano – 5 acciughe sott’olio – 30 g capperi dissalati – 30g olio extravergine di oliva – 1 pizzico di sale fino.

Preparazione

Iniziamo preparando l’impasto, facendo sciogliere il lievito in 50ml di latte tiepido con un cucchiaino di zucchero semolato che aiuta la lievitazione.

In una ciotola uniamo gli ingredienti in quest’ordine: farina, patata schiacciata, il lievito sciolto nel latte, l’acqua, l’olio extravergine d’oliva e per ultimo il sale. Iniziamo ad impastare energicamente per almeno 10 minuti, fino ad ottenere un panetto compatto e ben amalgamato.

Lasciamolo nella ciotola coperto con pellicola trasparente a lievitare per almeno 3 ore. Questo impasto necessita di una lievitazione particolarmente lunga. Più lievita e più risulterà digeribile. Trascorso il tempo di lievitazione, ungiamo la teglia di alluminio, dal formato 30×40 e stendiamo l’impasto con i polpastrelli delle dita, lasciando dei piccoli solchi.

Facciamo lievitare per un’altra ora. Trascorso il tempo necessario, incominciamo a scaldare il forno a 200° e intanto condiamo la nostra Sardenaira con la salsa di pomodoro già condita con olio evo, aggiungiamo l’origano, le olive e le acciughe tagliate a filetti o pezzetti e i capperi.

Inforniamo a 200° per circa 30 minuti, fino ad ottenere una leggera doratura. Serviamola ancora tiepida e buon appetito!

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCantine d’Italia 2023: all’Emilia Romagna 6 Impronte Go Wine
Prossimo articoloPremiato a Venezia il Pastificio Faella di Gragnano
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here