Oggi si impasta, prepariamo gli strozzapreti fatti in casa; una pasta fresca senza uova, dai sapori rustici che fa parte della tradizione culinaria dell’Emilia Romagna.

Come sappiamo, il termine strozzapreti è molto diffuso e in ogni regione indica formati di pasta diversi. Ad esempio in Umbria ci si riferisce ai tagliolini, nel Lazio si presentano come lunghi spaghettoni, in Trentino li chiamano strangolapreti e sono degli gnocchetti a base di spinaci. Gli strozzapreti romagnoli sono fettuccine di pasta fresca che vengono attorcigliate a mano, una ad una, con la maestria che solo l’esperienza può dare.

Un po’ di storia

Questa pasta ha origini antiche e contadine; una leggenda popolare fa risalire il loro curioso nome ai tempi in cui lo Stato della Chiesa dominava l’Italia centrale imponendo alte tasse alla povera gente. Questa pasta rappresentava dunque un segno di protesta, in un tempo in cui a tavola ci si doveva arrangiare con poco. Come sempre, la storia ci insegna che si può fare di necessità virtù. Questa pasta povera e semplice è giunta fino a noi diventando parte integrante della nostra cucina tipica. La loro particolare forma è apprezzata perché perfetta per trattenere tanti condimenti, da un semplice sugo di pomodoro fresco, ad un condimento con pesce spada o frutti di mare, oppure anche altre gustose versioni, come quella che vi propongo oggi: gli strozzapreti con crema di parmigiano, mortadella e pistacchi, un primo piatto gustoso e dal sapore deciso, con la delicatezza della pasta fatta a mano. La crema al parmigiano è una salsa saporita, profumata e facile da preparare: si tratta di una preparazione ideale per realizzare sfiziosi antipasti o finger food o per condire pasta, risotti, gnocchi, lasagne. La mortadella con il suo gusto deciso e sapido conferirà carattere al piatto e a completare il tocco conferito dalla dolcezza dei pistacchi sbriciolati.

La crema di parmigiano la prepariamo in questo modo, procurandoci Farina 00 50gr – Burro 50gr – Latte 500ml –Parmigiano grattugiato 200gr

La preparazione

Incominciamo facendo scaldare il latte in un pentolino e portandolo a bollore. A parte sistemate il burro in un un altro pentolino, meglio se antiaderente, e fatelo sciogliere a fuoco lento fino a quando non sarà completamente liquido.  Aggiungete ora la farina setacciata a pioggia e mescolate con una frusta fino ad ottenere una salsa liscia e dal colore dorato. Unite poi il latte caldo poco alla volta e continuate a mescolare con la frusta per evitare la formazione di grumi. Fate addensare mescolando a fuoco lento. Unite poi il parmigiano grattugiato e mescolate velocemente, in modo da farlo sciogliere bene. Lasciate cuocere un po’ più a lungo se volete una consistenza densa. La vostra crema al parmigiano è ora pronta per essere utilizzata.

Per la realizzazione degli strozzapreti

Per preparare gli strozzapreti ci serviranno: Farina 00 400gr – Acqua tiepida 200ml – Sale fino 40gr

Versiamo su una spianatoia la farina a fontana, aggiungiamo il sale e iniziamo a versare l’acqua tiepida amalgamando aiutandovi con una forchetta. Una volta che l’acqua si sarà assorbita, incominciate ad impastare con le mani fino a ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Fate riposare il panetto ottenuto per circa 30 minuti, coperto da pellicola alimentare, a temperatura ambiente. Trascorso il tempo riprendete il panetto, adagiatelo su una spianatoia infarinata e, con l’aiuto di un mattarello iniziate a stendere la pasta, fino ad ottenere uno spessore di circa 2mm. Una volta completamente stesa, iniziate a tagliarla astrisce di circa 1,5 cm di larghezza.

Prendetele poi una alla volta e arrotolatele fra i palmi delle mani facendo scivolare la striscia di pasta con delicatezza per evitare che si rompa. Staccate poi dei pezzetti di circa 8cm e adagiateli mano a mano che vengono pronti sulla spianatoia. Ecco che i nostri strozzapreti sono pronti per essere cucinati.

Cuoceteli in acqua bollente salata per circa 5-6 minuti, la pasta fresca non necessita dilunghi tempi di cottura.

Per il condimento ci serviranno oltre alla crema di parmigiano, 80gr di mortadella tagliata a striscioline o cubetti – 50gr di pistacchi – olio evo q.b. – pepe a piacere

Li potrete ora condire con la crema di parmigiano liscia e vellutata, con la mortadella tagliata a striscioline o cubetti, se piace e secondo il gusto, prima passata in padella con poco olio e scalogno, mantecando bene il tutto e la granella di pistacchi a completare.

Se vedete che la consistenza del condimento è leggermente asciutta, stemperatela con un paio di mestoli di acqua di cottura della pasta, fino a raggiungere la giusta consistenza. Servite ben caldo.

Se non li utilizzerete tutti, gli strozzapreti li potrete conservare su di un vassoio coperti da un canovaccio, facendoli seccare per poi, se vorrete, congelarli disponendoli anche in sacchetti appositi in frezeer.

Accompagniamo il nostro piatto con uno Chardonnay, vino bianco spumante  per eccellenza, dal gusto fresco e fruttato che con il suo giusto grado di acidità sgrassa il palato dalla sapidità del salume.

Pubblicità
CONDIVIDI
Articolo precedenteAl Cheese si è parlato di Turismo enogastronomico: ma quale?
Prossimo articoloTorna sotto le Pale di San Martino di Castrozza la Desmontegar
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here