La torta cremosa alla ricotta e nutella è il dolce soffice e goloso per eccellenza.

Pochi passaggi e tanta bontà da offrire ai vostri ospiti, dopo cena o per un caffè goloso pomeridiano. Io l’ho provata in occasione di un evento e subito ho voluto replicarla.

Un dolce adatto anche chi è intollerante al glutine, dal momento che si prepara senza farina né burro.

Risulterà quasi come un budino o una mousse che si scioglie in bocca per la sua consistenza particolarmente cremosa.

Scenografica da presentare grazie alla spirale di nutella che andremo a comporre.

Una cosa fondamentale è quella di utilizzare una ricotta vaccina freschissima, di quelle da acquistare direttamente dal produttore e da lavorare subito con gli altri ingredienti di base.

Ma vediamo come prepararla.

Ingredienti

400g ricotta vaccina (bel sgocciolata) – 2 Uova – 120g zucchero semolato – 1 cucchiaio raso di fecola di patate – 50g Nutella

Procedimento

Portare il forno a 180°C e setacciare la ricotta con un setaccio a maglia stretta. Foderare con carta forno uno stampo da 20 cm di diametro. A bagnomaria ammorbidire la nutella.

In una ciotola mettere la ricotta setacciata e unire le uova, lo zucchero e lavorare il tutto con le fruste e, sempre lavorando con le fruste, incorporare anche la fecola. Il composto dovrà risultare liscio e omogeneo.

Versare il composto nello stampo e livellarlo. Riempire la sac à poche con un po’ di nutella ammorbidita a bagnomaria e disegnare una spirale sulla superficie del composto.

Cuocere la torta in forno già caldo per circa 35/40 minuti. La torta di ricotta a fine cottura dovrà risultare ben rappresa e dorata. Far intiepidire, trasferirla su di un piatto da portata aiutandosi con la carta forno e spolverizzare con  zucchero a velo se gradito, oppure con granella di nocciole o gocce di cioccolato al latte.

In cottura la nutella si asciugherà un po’, è consigliabile tracciare nuovamente la spirale con la sac à poche riempita con un po’ di nutella ammorbidita sempre a bagnomaria.

La torta di ricotta si conserva ben coperta in frigo, con pellicola o in un contenitore apposito per la conservazione dei dolci per circa 3 giorni, oppure a temperatura ambiente per un giorno.

CONDIVIDI
Articolo precedenteParliamo di olio: intervista a Valeria Madonini, imprenditrice nelle Marche
Prossimo articoloA Nepi torna Divinarte, la due giorni di vino e cultura dedicata a Dioniso
Milanese doc, esperta in comunicazione e grande appassionata di cucina e pasticceria, dal mondo del marketing ha deciso di dedicarsi al mondo del food a 360° in tutte le sue declinazioni, creando “Le Ricette Di Isa” con il quale si è rimessa in discussione, occupandosi personalmente di tutte le preparazioni dedicate alla cucina in generale, dall'antipasto al dessert, per eventi privati ed aziendali di piccola e media entità, con servizi di catering dedicati e con un occhio particolare alla pasticceria che privilegia da sempre. Le piace definirsi “Un’artigiana del gusto”. Fa parte, inoltre, di un'Associazione di Servizi al Cittadino, con il ruolo specifico di "Cuoco a Domicilio". Curiosa e attenta ha partecipato a corsi di cucina e pasticceria presso le migliori scuole di cucina della città meneghina ed ama andare alla scoperta delle testimonianze e peculiarità di realtà artigianali del territorio, dall'agriturismo al ristorante, attraverso la voce dei titolari di grandi e micro-imprese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here