Arco-di-Rua-Augusta-foto-di-We-Love-LisbonIl Natale a Lisbona, la capitale del Portogallo, è una meta suggestiva; scenografica, accogliente, ricca di attrattive culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche anche durante il periodo di Natale e Capodanno.

Le piazze, i monumenti, la città illuminata dai numerosi mirador, le passeggiate lungo il Tago, l’ospitalità dei suoi abitanti, tutto davanti a un buon bicchiere di Porto, dei pasteis di Belem o un piatto di baccalà accompagnato da ottimo vino.

In occasione delle Feste la città si veste di luci e colori che si riflettono sulla pietra bianca di cui è lastricata e il centro storico si riempie di mercatini di Natale; a Praça do Comércio viene esibito il più grande albero di Natale d’Europa, alto ben 72 metri.

Qui c’è un Natale diverso, all’insegna di una tradizione diversa da quella italiana ma egualmente sentita, il gusto di scoprire viaggiando che il mondo è un paese in festa.

Luci-di-NataleE se nei mesi invernali la maggior parte dei paesi europei batte i denti, in Portogallo la temperatura non è mai al di sotto dei cinque gradi e le stradine del centro di Lisbona si animano di luci e profumi. Il tour della capitale portoghese comincia dal centro: le strade si illuminano di luci colorate dal quartiere Rossio fino alle Avenidas Novas, Almirante Reis, Guerra Junqueiro e Liberdade; anche la Baixa e il Chiado si riempiono di decorazioni.

Fino a sera, inoltre, le piazze si animano con concerti, cori gospel e spettacoli di mangiafuoco. Imperdibile, per proseguire il giro fra le tradizioni tipiche, una sosta in una casa di fado, la musica portoghese per eccellenza, diventata lo scorso anno Patrimonio dell’Unesco.

L’Albero di Natale più grande del mondo

Albero di natale LisbonaIn Praça do Commercio, poi, fa bella mostra di sé un enorme albero di Natale decorato da quasi due milioni di piccole lucine: un incanto per i grandi ma soprattutto per i piccini.

Nonostante l’albero gigante, la vera tradizione lisboneta è il Presepio e la capitale ospita molteplici scuole artigiane e altrettante rappresentazioni della natività, qualcuna anche animata.

Le più suggestive si trovano nella Cattedrale di Lisbona e nella Basilica della Estrela: in particolare, quest’ultimo presepio é caratterizzato da personaggi costruiti a grandezza naturale.

La sera della Vigilia di Natale si celebra la festa della “consoada”: per ricordare le anime dei defunti e sentirli vicino, si aggiungono dei posti a tavola per loro.

L’usanza vuole anche che si bruci nel camino il “cepo de Natal”, un pezzo di quercia, e che si spargano molliche di pane e semi di fronte al camino, come buon augurio di abbondanza.

Baccalà di LisbonaLa tradizione culinaria tipica del Natale portoghese porta in tavola fritti e dolciumi oltre al tradizionale baccalà, cucinato in 366 modi diversi.

Simile al nostrano panettone, il tradizionale Bolo Rei, Torta del re, viene servito da Natale al 6 gennaio; questo dolce, farcito di frutta secca e ricoperto di canditi con un foro nel mezzo, nasce dalla riproduzione simbolica delle corone dei Re Magi. Solitamente l’interno nasconde una moneta o un fagiolo: chi lo trova verrà baciato dalla fortuna ma avrà anche il compito di offrire il Bolo Rei l’anno successivo.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here