Un’esplosione di sapori, colori, culture e profumi per l’ultimo fine settimana di agosto. Il weekend apre le porte alle eccellenze che viaggiano con i truck food, ma l’appuntamento sarà anche con il teatro, il cinema e la musica. Una tre giorni, da quest’oggi a domenica 30, da non perdere.

Streeat Food Truck Festival

Appuntamento in piazzale Fellini con lo “Streeat Food Truck Festival”, l’evento che riunisce musica e cibo di strada di qualità a due passi dal mare e in programma da giovedì a domenica. Food Trucks da ogni dove propongono le loro migliori specialità, in un clima di festa garantito dall’accurata selezione musicale. Lo street food di qualità è proposto da ape car, carretti, furgoncini, biciclette, roulotte, moto e rimorchi, allestiti con piastre, forni, friggitrici, bollitori e griglie. Il tutto è accompagnato da birre artigianali, vini naturali, centrifughe di frutta verdura e cocktail rinfrescanti. Inoltre spazio anche all’Hamburger festival, la prima edizione di un evento da veri intenditori.

Le città visibili

Al via alla prima parte del festival di teatro e musica “Le città visibili”, a cura di Tamara Balducci. La serata di apertura di venerdì è affidata a “Quando tutto diventò blu” accolto nel Teatro degli Atti. L’omonima graphic novel cult di Alessandro Baronciani diventa un concerto a fumetti creato insieme a Corrado Nuccini (Giardini di Mirò) e vedrà sul palco Daniele Rossi al violoncello insieme alle voci di Ilaria Formisano (Gomma) e Her Skin.

Sabato le assi degli Atti ospiteranno lo spettacolo “L’incidente è chiuso” della compagnia Menoventi. La stessa sera, nella sala Pamphili, il festival offrirà una chiave di lettura agli spettatori per leggere il presente nell’anno della pandemia con l’approdo dell’“Astronave Italia”, progetto di Teodoro Bonci del Bene pensato per uno spettatore alla volta (e in tutta sicurezza) che si terrà il 29 e 30 agosto, 3 e 4 settembre (ore 19 / 20.15 / 21.30 / 22.45). Domenica spazio alla musica con il concerto agli Atti di Giovanni Truppi e il suo “Viaggio sui margini dell’Italia” (da Ventimiglia a Trieste) realizzato in camper sulla “lunga strada di sabbia”.

Il festival dei Mulini

L’estate culturale in Emilia-Romagna gira anche nei vecchi mulini, non più utilizzati per macinare ma diventati palcoscenici del tutto particolari. Nove spettacoli in programma in otto mulini da Piacenza a Rimini. L’evento nel Riminese si terrà il 29 agosto a Novafeltria, alle 18 al Mulino della Polvere. L’attore e regista Silvio Castiglioni sarà il protagonista del monologo “L’uomo è un animale feroce”, accompagnato da Marco Capicchioni alle tastiere e Serena Lucchi al flauto traverso. Lo spettacolo è tratto da alcuni monologhi di Nino Pedretti, finissimo poeta in dialetto santarcangiolese e anche autore dei potenti auto ritratti in lingua italiana presentati in questo spettacolo, originariamente composti per RadioRai, ma mai andati in onda.

Musica all’alba

Nuovo e suggestivo appuntamento a Riccione con la rassegna “Albe in controluce”. Domenica, nella meravigliosa cornice della Spiaggia 17, un gradito ritorno all’alba di Riccione, Cristina Donà, una delle voci più originali della scena musicale italiana, che grazie a Riccione Teatro presenta come preview del Riccione TTV Festival storica rassegna che mette in relazione immagine e arti sceniche che si terrà dal 17 al 19 settembre, un nuovo spettacolo di musica e danza: Perpendicolare. La performance è un innesto affascinante e naturale tra il mondo musicale della Donà e la danza del coreografo Daniele Ninarello, plasmati e cuciti insieme dal compositore Saverio Lanza.

“Et Ars Est”: Arte in colonia

Si chiama “Et Ars Est” ed è un progetto di street art che unisce le due Colonie marine di Miramare: Bolognese e Novarese. Fino al 12 settembre la Colonia Bolognese si trasforma in una “Guggenheim sul mare”, ospitando una mostra con opere di arte di strada e legate al tema del riuso, mentre il 12 settembre presso la Colonia Novarese si terrà da mattina a sera, un live painting che vedrà il coinvolgimento di quattro artisti di fama internazionale: Refreshink, da Novara, Sea Creative da Varese, Mozone e Ira da Rimini. Il progetto intende far rivivere gli spazi di entrambe le colonie grazie al fermento culturale che ruota attorno al mondo dell’Hip Hop e della Street Art.

Sogni, cinema e stelle

Nòt Film Fest torna a Santarcangelo di Romagna con il meglio del cinema indipendente internazionale. Fino a domenica conquisterà il pubblico sin dalla mattina si partirà con talk e workshop sul mondo del cinema indipendente, mentre dalle 15 iniziano le proiezioni allo storico Supercinema. Al calar del sole, le proiezioni si spostano al cinema all’aperto nello Sferisterio, dove sarà allestito anche red carpet e lounge. Ben 118 i film in programma, 54 in più rispetto alla scorsa edizione, per un totale di 2 mila minuti di proiezioni che attraverseranno tutti i quattro giorni del festival. Un connubio di creativi internazionali è quello che si vedrà al Nòt Film Fest: come da tradizione, i film in programma provengono da tutto il mondo, con 37 paesi rappresentati, e portano a Santarcangelo una varietà di generi e idee. Sono tanti, infatti, i filmmakers che scelgono il festival per presentare le loro opere: all’edizione 2020 saranno proiettate 8 anteprime mondiali, 34 anteprime europee e 42 nazionali, per un totale di 84 premiere che aspettano solo di stupire il pubblico.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here