La Ciammella di Sora, piccolo paese della Ciociaria, nel frusinate, è un prodotto da forno di antichissime origini, citato in documenti dell’alto medioevo, quando era spesso usata come pasto unico della giornata.

ciammella_soranaUn tempo poi, le fidanzate usavano offrire questa grossa ciambella, la rotella, ornata con un bel fiocco come dono augurale ai fidanzati; veniva usata anche in occasione delle nascite, regalandole alle neomamme; questi ‘”riti” si sono persi col tempo, ciò che non è cambiato è la voglia di mangiarla.

La Ciammella di Sora, che è un prodotto a Denominazione Comunale, ha un colore dorato, la forma tondeggiante ed è “coronata” con le cosidette “recchie”; le sue dimensioni sono prestabilite nell’apposito disciplinare.

Una ricetta ed una preparazione molto lunga ma semplice

La sua ricetta prevede farina di grano tenero, acqua, lievito naturale, sale e semi di anice o finocchietto selvatico.

Il procedimento usato nel passato prevedeva una lavorazione molto lunga; in un primo momento si impastava la farina con lievito e acqua. Il composto riposava circa tre ore prima di essere lavorato una seconda volta con altra acqua, sale, un pizzico di bicarbonato di sodio e lievito di birra.

A questa fase seguiva un secondo momento di riposo di tre ore. Trascorso questo tempo si prendeva il quantitativo giusto di impasto, gli si aggiungevano i semi di anice e si dava la giusta forma alla Ciammella.

ciammelle-in-fornoConclusa questa parte inziale si passava ad una prima cottura in acqua molto calda. Le ciambelle tornavano a galla dopo circa 5 minuti ed una volta recuperate erano lasciate ad asciugare. Terminata l’asciugatura, venivano impilate l’una sopra l’altra e le si lasciavano riposare fino a tarda notte per poi essere cotte in forno per mezzora. Quest’ultima operazione le rendeva lucide e croccanti all’esterno.

In epoca moderna, la preparazione si è molto semplificata; i tempi di lavorazione si sono notevolmente ridotti grazie ad una lievitazione molto più breve, ma il resto è rimasto pressoché inalterato.

In ogni manifestazione folkloristica, fiera e mercati di vario tipo che si tiene periodicamente a Sora e nei suoi dintorni vi sono stand e punti vendita specializzati che propongono questo gustoso prodotto tipico sorano.

È ottima gustata così come la si trova, ma la Ciammella di Sora è ottima abbinato anche ad altri cibi, come con la mortadella appena affettata o con la porchetta ancora calda,

In generale la si può considerare uno snack che sta bene con tutto, salumi, verdure fresche o sott’olio, formaggi e vini.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here