La Cantina Gnavi Carlo di Caluso propone “Ritorno al Passito”, un percorso in 6 appuntamenti per incontrare l’oro canavesano e declinarlo in mille modi.

Andiamo nel Canavese, in provincia di Torino, per incontrare il Caluso Passito, vino già conosciuto al tempo dei Romani. Qui, la coltivazione della vite risale a tempi addirittura antecedenti a quelli della conquista di questi territori da parte dei Romani.

Caluso Passito Cantina Carlo Gnavi. Ph. Credits Andrea Di Bella
Caluso Passito Cantina Carlo Gnavi. Ph. Credits Andrea Di Bella

In virtù della presenza di colline con profili dolci e allungati (morene) e di un clima mite, il Canavese ha sempre avuto una produzione vinicola abbondante. Il vitigno più diffuso è l’Erbaluce. Numerose sono le testimonianze circa la sua diffusione in passato, molto meno si sa circa la storia del nome, cui si attribuiscono origini leggendarie legate alla Ninfa Albaluce, figlia del Dio Sole e della Dea Alba (“luce”), caduta su un arbusto (“erba”).

Leggende che si intrecciano misteriosamente, che sono arrivate ai giorni nostri e che hanno come protagonista questo vino dolce dal colore dorato carico, con profumi avvolgenti e un sapore vellutato e pieno. Ed eccolo declinato in una serie di appuntamenti che la Cantina Gnavi di Caluso gli dedica. Parliamo del “Ritorno al Passito”. Che festa sia.

Gli appuntamenti del “Ritorno al Passito”.

L’ORA DEL PASSITO – Sabato 29 ottobre 2022, ore 18, presso Cantina Gnavi via Cesare Battisti 8 Caluso,  in collaborazione con L’Angolo delle Luli. Non vi è un’ora specifica per bere il Caluso Passito, ogni momento è quello buono, ogni occasione è quella giusta e gli abbinamenti sono molteplici, se non infiniti. Un aperitivo insolito ispirato dai 4 elementi (aria, acqua, terra e fuoco) in abbinamento con l’oro di Caluso. Info e prenotazioni: 348 2231844. Partecipazione: 25 euro

CALICI D’AMBRA, POLVERE DI ZUCCHERO E ORO VERDE IN TAZZA – Sabato 5 novembre 2022, ore 16, presso Hotel Antica Dogana, Via Corte d’Appello 4 Torino, in collaborazione con i Maestri del Gusto: Claudia Carità, The Tea; Romina Fioretta, La Bottega dei Bombi e l’Associazione Donne del Turismo. Il rito del tè, una delle più radicate tradizioni orientali incontra la tradizione calusiese in un connubio di profumi, sapori e colori. L’atmosfera ritrovata fatta di pregiate foglie di tè e antiche dolci ricette di un Piemonte d’antan incontra il Caluso Passito in un connubio di profumi, sapori e colori che si fondono e si confondono sfumando tra gli arredi barocchi dell’albergo che ospitò, per una notte, il giovane Mozart. Una merenda elitaria, una degustazione fuori dal tempo.  Info e prenotazioni: 349 2906208. Partecipazione: 20 euro

FROM CALUSO TO VAL DI CHY – Giovedì 10 novembre 2022, ore 18, presso Il Pontile 3.0, via Provinciale per Lessolo 27 Alice Superiore. Dalle cantine della pianura canavesana alle cime dell’anfiteatro morenico, il Caluso Passito è il legame indissolubile delle diverse anime di un territorio variegato e unico nelle sue differenze. Una merenda sinoira con protagonista il Caluso Passito dove le prelibatezze della Valchiusella ne esaltano la tavolozza aromatica e danno vita a esclusive e contrastanti sensazioni, forse inaspettate. Info e prenotazioni: 333 5376006 Partecipazione: 22 euro

Cantina Carlo Gnavi, Caluso. Ph. Credits Andrea Di Bella
Cantina Carlo Gnavi, Caluso. Ph. Credits Andrea Di Bella

A TAVOLA CON IL CALUSO PASSITOVenerdì 18 novembre 2022 ore 20 presso Ristorante Gardenia, corso Torino 9 Caluso. Vino per le grandi occasioni della vita, compagno delle ricorrenze che non si scordano, il Passito scrive aristocratiche pagine di letteratura enoica. In una cena stellata di un’elegante dimora sobria e concreta, nascono i piatti che con abbinamenti e sovrapposizioni evidenziano di questo vino di storia e tradizione l’aurea sabauda, la parsimoniosa, mai ostentata, classe. Info e prenotazioni: 011 9832249 Partecipazione: 100 euro

CALUSO – TORINO A/R: SULLA STRADA GOLOSA DEGLI ORI PIEMONTESIVenerdì 2 dicembre 2022 ore 17 presso Caffè dell’Orologio, via Oddino Morgari, 16, Torino, in collaborazione con il Maestro del Gusto A. Giordano. L’abbinamento tra il cioccolato e il vino non è sempre scontato ma la pralineria torinese (gianduiotti, cremini) ricca di nocciole piemontesi si sposa a meraviglia con le note mielate, candite e calde del Caluso Passito. E poi nasce, dal genio di Mario Faletti, l’Alpinluce, guscio di fondente con goduriosa crema al Passito di Carlo Gnavi. Info e prenotazioni: 011 2644254 Partecipazione: 25 euro

CALUSO PASSITO, ORGOGLIO CANAVESANO: 40 ANNI E NON SENTIRLI – Sabato 17 dicembre 2022 ore 16 presso Cantina Gnavi – via Cesare Battisti, 8, Caluso. Non si usa porre limite all’invecchiamento del Caluso Passito. La longevità è uno dei punti di forza di questo vino che tramanda nel tempo sogni, ricordi, speranze e usanze del vignolant. La Cantina Gnavi ha posto l’asticella sui 40 anni per questo prodotto esclusivo che giunge a battesimo oggi, irripetibile occasione di bere il passato, anzi il passito che fu. Info e prenotazioni: 348 2231844 Partecipazione: 10 euro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here