Sette chef per sette fornelli, e l’obiettivo è aiutare chi si trova in condizioni di svantaggio sociale, personale e lavorativo.

Chef e pasticceri insieme per OPIMM Onlus

In vista della Giornata Internazionale per i Diritti delle Persone con Disabilità, che verrà celebrata il prossimo 3 dicembre, la Fondazione OPIMM – Opera dell’Immacolata Onlus organizza in collaborazione con FIPE – Confcommercio Ascom Bologna, Federazione del Terzo Settore e Confcommercio Ascom Bologna una cena benefica che per l’appunto vedrà protagonisti sette importanti chef aderenti al sindacato ristoratori cittadino. L’appuntamento è per lunedì 28 novembre alle 20 in via del Carrozziere 7, sede dell’onlus.

Grazie a OPIMM i meno fortunati imparano a diventare chef

Cucinare unisce, crea legami e rende autonomi. Lo sa bene OPIMM che da sempre si occupa, nel territorio bolognese, della realizzazione personale e professionale delle persone con disabilità o in condizione di svantaggio sociale. Tra le attività più apprezzate organizzate dalla Onlus è da annoverare il laboratorio di cucina per i lavoratori e per le lavoratrici con disabilità del Centro di lavoro protetto (CLP) che però, causa COVID, è stato costretto a fermarsi.

Una serata per riaprire il laboratorio di cucina

Proprio per questo si è pensato in accordo con il mondo dei commercianti e della ristorazione a un evento finalizzato al reperimento di fondi: l’obiettivo è raccogliere 10mila euro per coprire i costi, sia in termini di risorse umane specializzate che di materie prime, del laboratorio di cucina per tutto il 2023.

Gli chef che parteciperanno all’evento

Ai fornelli, per l’occasione, si metteranno gli chef Elisa Rusconi (Trattoria da Me), Vincenzo Vottero (ViVo), Andrea Aureli (Berberè), Enrico Bigi (Antica Trattoria del Reno), Alessio Battaglioli (Osteria di Medicina) e Pietro Montanari (Ristorante Cesarina), mentre a curare il dessert penserà Gino Fabbri, pasticcere campione del Mondo.

Le parole del presidente Vottero

“Sono loro, i ragazzi di OPIMM, i veri eroi che inseriscono persone fragili nel mondo del lavoro. È bellissimo – commenta Vincenzo Vottero, presidente Fipe-Confcommercio Ascom Bologna – vedere negli occhi degli operatori la luce di chi fa una professione sentendosi utile, parte della società e non avulso o messo in disparte. Ora chiedo a tutti di starci vicino, di partecipare con entusiasmo e fare una donazione per una organizzazione meravigliosa e meritevole. Noi chef daremo il nostro meglio”.

C’è anche chi pensa a pane e vino

Alla cena contribuiranno anche i sommelier di AIS, che provvederanno a mescere i vini dei Colli Bolognesi offerti dalla cantina Lodi Corazza, mentre il Forno Pallotti fornirà tutti i lievitati.

Quanto costa e come partecipare

Il costo della serata è di 110 euro a persona, tutto incluso, e l’intero incasso verrà devoluto alla Fondazione OPIMM Onlus. Per informazioni e per la prenotazione (obbligatoria) è possibile contattare OPIMM all’indirizzo email: comunicazione@opimm.it o telefonicamente ai recapiti 3466144841 o 051531211.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here