Cantine TerlanoIl Terlaner I Primo Grande Cuvée 2016 di Cantina Terlano è il primo vino bianco d’Italia a ricevere il punteggio massimo dalla rinomata guida enologica Falstaff e fa ora parte della cerchia ristretta dei vini da 100 punti, la quale fino ad ora comprendeva soltanto vini rossi tra i quali Masseto 2015 (Masseto) e il Brunello di Montalcino Cerretalto 2012 (Casanova di Neri).

La cerimonia di premiazione ufficiale si è svolta la scorsa settimana a Bolzano.

Premiazione
(da sin.) Simon Staffler (Falstaff), Klaus Gasser (Cantina Terlano), Othmar Kiem (Falstaff)

Annata dopo annata, da più di 20 anni la guida enologica Falstaff presenta il lavoro dei viticoltori e valuta i nuovi vini, garantendo una panoramica autorevole sulla produzione vinicola attuale e, grazie alla tiratura di 30.000 copie, rappresenta un valido aiuto per i moltissimi appassionati di vino dei Paesi di lingua tedesca.

Da sempre l’Alto Adige gioca un ruolo importante all’interno della guida e ieri sera, alla presentazione dell’ultima edizione, i vini migliori hanno ricevuto riconoscimenti e menzioni speciali.

TerlanoUn vino tra tutti ha però conquistato la vetta: Il Terlaner I Primo Grande Cuvée di Cantina Terlano ha ottenuto i 100 punti, la valutazione più alta possibile.

Il Terlaner I Primo Grande Cuvée 2016 è stato il primo vino altoatesino a guadagnare questo punteggio da sogno e il primo vino bianco d’Italia in assoluto. È un grande vino frutto di una grande annata”, hanno detto dopo la premiazione i responsabili di Falstaff.

Il vino di riferimento per i grandi bianchi

Rudi Kofler
Rudi Kofler, enologo Cantina Terlano

Il Terlaner I Primo Grande Cuvée esprime l’essenza di Cantina Terlano: “Per la cuvée, selezioniamo dalle nostre parcelle più vocate le migliori uve di Pinot Bianco, Chardonnay e Sauvignon Blanc, lasciamo poi affinare a lungo il vino a contatto con i propri lieviti fini in grandi botti di rovere”, ha spiegato l’enologo Rudi Kofler. “Il vino è il risultato della nostra costante ricerca della qualità ed esprime perfettamente il terroir di Terlano con le sue caratteristiche climatiche e geologiche. Freschezza, eleganza e complessità, unite a mineralità e longevità: queste le peculiarità che si ritrovano nel Terlaner I Primo Grande Cuvée”.

Questo vino viene prodotto soltanto in annate che ne consentono una particolare evoluzione e sviluppo. “L’annata 2016 è stata senza dubbio una di queste, come dimostrato dai 100 punti riconosciuti al nostro Terlaner I Primo Grande Cuvée 2016. Siamo molto orgogliosi che Falstaff, una delle più importanti guide enologiche della regione DACH, ci abbia attribuito il suo massimo riconoscimento”.

La prima annata di Terlaner I Primo Grande Cuvée, la 2011, è nata con l’obiettivo di creare uno dei vini bianchi più importanti d’Italia. Questo bianco esclusivo è prodotto nel numero limitato di 2.476 bottiglie, disponibili principalmente presso i migliori ristoranti dell’alta gastronomia.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here