monterinaldoIl 19 e 20 ottobre il Grand Tour delle Marche arriva a Monte Rinaldo, piccolo borco in provincia di Fermo, dove si tiene la manifestazione Tipicità ed Archeologia e dove si potrà gustare un’esperienza di “archeofood” del tutto inedita.

Promosso dall’amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni locali, l’evento proietta il visitatore nella grande storia e nei sapori antichi e, da quest’anno, entra a pieno titolo nel circuito del Grand Tour delle Marche.

monterinaldoMonte Rinaldo è un piccolo comune della provincia di Fermo, con un incantevole borgo medioevale adagiato tra le alte colline affacciate sullo skyline dei Monti Sibillini e con una caratteristica davvero unica ed imperdibile.

Appena fuori dal centro storico, dopo poche curve, ci si ritrova immersi nella storia, perché appare un delizioso tempietto, un santuario di epoca ellenistico-romana ottimamente conservato.

monterinaldo

Sarà proprio l’area acheologica “La Cuma” ad ospitare l’evento speciale della manifestazione, ossia la presentazione con degustazione del progetto “Archeofood – la storia nel piatto”, che utilizza archeologia e fonti storiche per dare forma ai sapori dei tempi passati.

Infatti, se anche disponiamo di moltissime informazioni relative all’alimentazione, alla produzione, al consumo e alla preparazione del cibo dell’epoca, abbiamo ovviamente perso la parte sensoriale e pratica di questa parte della vita degli antichi

Tipicità ed Archeologia, il mangiare degli antichi

monterinaldoA Monte Rinaldo, dunque, il 19 ottobre si potranno assaggiare in esclusiva le pietanze antiche riproposte dall’archeo-cuoco Marino Marini ed ascoltare le spiegazioni dell’archeologo Paolo Braconi, ideatore del progetto.

Tutto da vivere anche il centro del paese, con una rassegna delle migliori produzioni del territorio ed aree gastronomiche nelle quali assaggiare le ricette… antiche, ma non troppo, della cucina locale, che omaggia l’autunno con salsicce all’uva, fagioli con le cotiche, polenta, castagne e tante altre prelibatezze.

La domenica mattina in programma anche una suggestiva lezione-spettacolo su Odisseo e i suoi amori, di Cesare Catà, insieme a laboratori per bambini dedicati alle meraviglie autunnali, che proseguiranno anche nel pomeriggio.

Da non perdere il folklore itinerante, con il gruppo “Mazzamurelli de li Sibillini” e la rievocazione storica della Brigata MonteBodio, con duelli, combattimenti ed attività didattiche.

Per tutto il week end sono fruibili visite guidate dell’Area Archeologica.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here