Ultimo week end per scoprire i Sapori del BaldoSono tanti i cosiddetti Sapori del Baldo e tra questi i marroni di San Zeno Dop, il vino Bardolino e il formaggio Monte Veronese, che so0n protagonisti da più di un mese di cinque menù degustazione a San Zeno di Montagna, alla ventunesima edizione di San Zeno Castagne, Bardolino & Monte Veronese, che si concluderà domenica 11 novembre.

Un mese che ha visto il borgo prealpino veronese preso d’assalto ogni fine settimana da una moltitudine di persone per vedere e gustare le tante proposte dedicate alla promozione dei prodotti tipici del Monte Baldo.

Ultimo week end per scoprire i Sapori del Baldo

Un intero mese in cui cinque ristoranti della zona hanno proposto menu degustazione dove protagoniste sono state le castagne, per la precisione il Marrone di San Zeno Dop, ma anche il vino Bardolino e il formaggio Monte Veronese.

Durante la rassegna i ristoranti Al Cacciatore, Bellavista, Costabella, Sole e Taverna Kus ha proposto e lo faranno anche in quest’ultimo fine settimana di manifestazione, un menù composto da sei o sette portate ciascuno con pietanze dal gusto tradizionale che lasciano spazio anche alla modernità.

Ad accompagnare tutti i piatti il Bardolino, vino che è piena espressione del territorio che circonda il Lago di Garda, di colore rosso rubino, sapore delicato e fruttato, con note di ciliegia, marasca, fragola e spezie, che gli permette di essere facilmente abbinato ai piatti tipici della cucina all’italiana, in particolare a quelli legati alla tradizione del monte Baldo.

Sapori del Baldo, i marroni di San Zeno sulle tavole dei ristoranti

Ultimo week end per scoprire i Sapori del BaldoTra i piatti proposti dai ristoratori spicca il tradizionale minestrone di marroni di San Zeno di Montagna, la tipica variante del classico minestrone di fagioli della tradizione veneta. Alle castagne viene riservato particolare spazio anche nei secondi piatti, in cui vengono proposte prevalentemente in abbinamento alla carne. Anche il Monte Veronese, formaggio dop tipico del Monte Baldo dei territori della Lessinia e della fascia collinare prealpina veronese, è presentato in diverse varianti: a scaglie, fresco, in brodo di abate e funghi abbinato ai passatelli o servito come sformatino con funghi, marroni e radicchio fritto.

Grandi protagoniste anche dei dessert, le castagne vengono presentate in tutta la loro versatilità nella preparazione di dolci come il bicchierino di marronata al Baileys con cuore di amaretto al caffè, il tortino di cioccolato fondente, peperoncino, marron glacès e cioccolato bianco, fino alla crème brûlée alle nocciole, castagne e castagnaccio.

L’iniziativa, organizzata dall’associazione ristoratori di San Zeno di Montagna, si avvale della collaborazione del Consorzio di tutela del Bardolino, del Consorzio di tutela del formaggio Monte Veronese, del Consorzio di promozione turistica Lago di Garda Veneto.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here