Un prodotto, 100 chef, un Buon RicordoUn prodotto, 100 chef, un Buon Ricordo: questo lo slogan della grande kermesse autunnale che l’Unione Ristoranti Buon Ricordo dedicherà ogni anno ad uno dei prodotti dell’agricoltura italiana, in occasione della Settimana della Cucina Italiana nel mondo, tradizionale appuntamento che propone a livello internazionale sapori, valori e cultura dell’enogastronomia della penisola.

Un prodotto, 100 chef, un Buon RicordoSi partirà con la zucca, che sarà la protagonista assoluta di uno speciale menu degustazione che i ristoranti del Buon Ricordo terranno in carta dal 16 al 25 novembre.

Si potranno così gustare le moltissime interpretazioni che la cucina regionale italiana, di cui sono massimi interpreti i ristoranti del Buon Ricordo, dà della zucca, ingrediente diffusissimo da Nord a Sud, popolare, versatile, utilizzabile dai primi ai dolci.

Ai commensali sarà regalato, come tradizione del Buon Ricordo, un piatto dipinto a mano dagli artigiani delle Ceramiche Solimene di Vietri sul mare, su cui campeggerà una coloratissima zucca tratteggiata con lo stile giocoso che caratterizza, fin dal loro nascere nel 1964, i piatti del Buon Ricordo.

Un prodotto, 100 chef, un Buon Ricordo, il via venerdì

Venerdì 16 novembre, serata d’apertura della rassegna, sarà anche l’occasione per festeggiare il 124°compleanno del Touring Club Italiano, di cui il Buon Ricordo è storicamente partner.

Un prodotto, 100 chef, un Buon RicordoIn una simbolica tavolata dalla Val d’Aosta alle isole, migliaia di persone ceneranno insieme nei ristoranti del sodalizio; soci del Touring, amici del Buon Ricordo, gourmet, uno accanto all’altro per condividere una piacevole esperienza gastronomica e per rinsaldare valori condivisi.

La cena evidenzia, ancora una volta, l’affinità tra le due associazioni, che da sempre collaborano per promuovere insieme turismo ed enogastronomia e valorizzare l’infinita varietà di cibi e ricette del nostro Paese.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here